Fiumicino, elezioni 2018: scende in campo come candidata sindaco Federica Poggio

federica poggio



A Fiumicino manca un rappresentate civico che sia espressione di questo territorio e non di lobby e partiti romani. Sono 4 anni che non abbiamo un governo locale e non possiamo accettare che per la seconda volta questo Comune sia territorio di conquista romano.

Le nostre famiglie hanno bisogno di sentirti rappresentate e meritano di essere protagoniste. Fiumicino ha il diritto a una propria identità e a una propria autonomia, eredità dei nostri genitori che non possiamo dilapidare.

L’attaccamento alla poltrona non è nel nostro Dna. A Fiumicino serve un vero e profondo rinnovamento. Questa città è stanca di chi continua a soffocare le aspettative dei nostri giovani.

Il territorio dove i nostro figli debbono crescere va difeso. E in questa difesa le mamme e le donne sono da sempre le più indicate. È giunto il momento che le donne e le mamme diventino protagoniste per correggere gli errori del passato.

Per questo abbiamo deciso di proporre una alternativa, un candidato dirompente e nuovo. Il nostro candidato sindaco si chiama Federica Poggio. Una donna, una madre, una giovane impegnata nel sociale e nell’associazionismo.

L’abbiamo vista in silenzio in prima linea nell’emergenza alluvione e nell’emergenza terremoto. Costruire una realtà sportiva che rappresenta un punto di aggregazione per decine e decine di giovani di questo Comune.

La nostra più grossa aspirazione non è essere protagonisti ma rendere la città protagonista.

Forza Federica senza di te Fiumicino non avrebbe nessun candidato residente. O meglio nessun residente avrebbe un vicino di casa candidato.

Mauro Gonnelli, Raffaello Biselli, William De Vecchis, Giuseppe Picciano

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.