L’italia guadagna punti nella classifica di RSF per la libertà d’informazione

Si sale di ben 25 posizioni rispetto allo scorso anno, passando dal 77esimo posto al 52esimo posto



L’Italia guadagna punti nella classifica annuale di Reportes sans Frontieres, organizzazione per la libertà dell’informazione. La nostra penisola sale di ben 25 posizioni rispetto allo scorso anno, passando dal 77esimo posto al 52esimo, ciò anche grazie “all’assoluzione di diversi giornalisti, tra cui i due che sono stati processati nel caso Vatileaks”.

Tra i problemi che vengono indicati nel rapporto troviamo l’effetto di “responsabili politici come Beppe Grillo che non esitano a comunicare pubblicamente l’identità dei giornalisti che danno loro fastidio”. E ancora “sotto la pressione dei politici, spesso i giornalisti italiani optano per l’auto-censura”.
Secondo il rapporto 2017 di RSF mai la libertà”è stata cosi minacciata”, la situazione è infatti “difficile” o “molto grave” in 72 paesi, tra i quale troviamo Cina, Russia, India, gran parte del Medio Oriente, Asia centrale, America centrale e oltre due terzi dell’Africa. Nel mirino anche fake news, repressione e “uomini forti come Erdogan e Trump”.

La Polonia di Jaroslaw Kaczynski che ha cercato di zittire numerosi organi di stampa indipendenti che si ponevano critici sulle sue riforme, ha perso sette posizioni nella classifica 2017,scivolando al 57esimo posto. L’ Ungheria di Viktor Orbán peggiora ancora slittando in 71esima posizione.

All’ultimo posto, come già negli ultimi anni, la Corea del Nord, preceduta da Turkmenistan ed Eritrea. Agli ultimi posti della classifica anche Messico (147esimo posto) e Turchia (155esimo posto). Nel paese guidato da Erdogan “si vive in una spirale repressiva senza precedenti in nome della lotta contro il terrorismo. Lo stato di emergenza consente alle autorità di liquidare il tratto di penna decine di mezzi di comunicazione, riducendo il pluralismo in pochi giornali a scarsa circolazione. Decine di giornalisti sono arrestati senza processo, rendendo la Turchia la più grande prigione al mondo per i professionisti dei media”, così Rsf.

In testa alla classifica restano sempre i paesi del Nord Europa, ma la Finlandia cede il primo posto che deteneva da 6 anni alla Norvegia, a causa di “pressioni politiche e conflitti d’interesse”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.