In 5 anni sequestrate in Ue 20mila armi. Il 34% sono pistole



Negli ultimi cinque anni, da gennaio 2010 a marzo 2015, sono state sequestrate nell’Unione Europea 19’246 armi illecite, il 34% delle quali pistole e il 27% fucili. Sono dati contenuti nel rapporto finale del Progetto FIRE – Fighting Illicit Firearms Trafficking Routes and Actors at European Level che Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” riporta, iniziato nel 2014 e conclusosi nel 2016, è stato finanziato in parte dalla Commissione Europea. Secondo quanto riportato dal report il maggior numero di sequestri di armi si è registrato nell’Europa occidentale (35% dei casi), seguito dall’Europa mediterranea (26%), dal nord Europa (21%) e dall’Europa orientale (18%). Le principali rotte del commercio di armi, stando allo studio, hanno come punto di partenza gli stati dell’ex Unione Sovietica e della ex Jugoslavia, e tra le maggiori destinazioni emergono Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Regno Unito e i Paesi scandinavi.

Giovanni D’AGATA

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.