Roma, controlli amministrativi a Porta Maggiore: sequestrata sala giochi cinese per irregolarità

Porta Maggiore



Continuano senza sosta i controlli amministrativi della Polizia di Stato nei locali pubblici, disposti dal Questore D’Angelo, che nella giornata di ieri hanno interessato il Pigneto e l’intera zona di Porta Maggiore.

In uno degli esercizi commerciali controllati, una sala giochi – slot gestita da cinesi, gli agenti del commissariato di zona, coadiuvati dai colleghi della Polizia Amministrativa della Questura, hanno riscontrato numerose irregolarità.

Nel corso dei controlli è stata innanzitutto accertata l’attività di somministrazione di alimenti e bevande in assenza di autorizzazioni   amministrative e sanitarie.

Nella sala giochi, inoltre, oltre a 15 apparecchi elettronici – slot machine – ed a numerosi tavoli per il gioco delle carte, gli agenti hanno rinvenuto, depositate in totale promiscuità, attrezzature e materiale per l’edilizia tra cui mattoni, vernici, corrugati, forati, sanitari, infissi e cavi elettrici, oltre a parti di carrozzeria d’automobile e altri oggetti altamente infiammabili, costituenti un pericolo per l’incolumità dei gestori, degli avventori e degli abitanti dello stabile.

Nel locale era stato anche ricavato un sorta di soppalco improvvisato, adibito a deposito indiscriminato del medesimo materiale, grossolanamente puntellato e a grave rischio di crollo a causa del sovrappeso.

I poliziotti hanno trovato lo stesso materiale depositato anche nel seminterrato.

Durante i controlli, inoltre gli investigatori hanno accertato la presenza di una lavoratrice di origine cinese priva di contratto di lavoro.

Considerato il grave rischio per la sicurezza, i poliziotti hanno richiesto l’intervento di una Squadra dei Vigili del fuoco, che ha effettuato un intervento provvisorio di messa in sicurezza del sito, anche mediante rinforzo dei ponteggi pericolanti.

Gravi carenze igienico – sanitarie sono state riscontrate dai tecnici dell’Asl Roma C, che hanno avviato l’iter amministrativo finalizzato alla chiusura e messa in sicurezza dei locali, al fine di tutelare la salute pubblica.

Al termine dei controlli, i poliziotti hanno posto sotto sequestro penale preventivo il pubblico esercizio, mentre il gestore è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per la violazione delle norme sulla tutela della salute e la sicurezza sul luogo di lavoro.

Allo stesso, inoltre, sono state contestate sanzioni amministrative per un importo di 14.500 euro.

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 13353 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.