Roma – Perquisizioni per truffa ai danni del servizio sanitario nazionale



Nell’ambito di un’indagine, iniziata nel 2009, per truffa ai danni del servizio sanitario nazionale, su richiesta della procura capitolina sono state eseguite, da parte dei carabinieri, delle perquisizioni all’Ospedale Israelitico di Roma, in uffici della Regione Lazio e sedi Asl.

Gli indagati sono 10 in tutto, e tra di loro c’è  anche Antonio Mastrapasqua, l’ex presidente dell’Inps, sotto inchiesta da gennaio scorso nella sua veste di direttore generale dell’Ospedale Israelitico. Gli altri indagati sono 7 dipendenti dell’ospedale e due funzionari della Regione non legati all’attuale amministrazione. Al centro degli accertamenti, coordinati dal procuratore aggiunto Francesco Caporale, ci sarebbero diverse fatture ‘gonfiate’ relative a prestazioni mediche non corrispondenti a quelle che in realtà sono state effettuate.  

L’inchiesta madre riguarda fatti risalenti al 2009 quando un controllo dell’Asl Roma D su prestazioni dell’Ospedale Israelitico ha portato alla luce incongruenze: fatture per semplici interventi odontoiatrici per i quali venivano richiesti alla Regione rimborsi onerosi da intervento con ricovero. Dai controlli successivi è emerso che tra il 2006 e il 2009 la richiesta di rimborsi alla Regione Lazio per “interventi fantasma” da parte dell’Ospedale Israelitico accadeva nella stragrande maggioranza dei casi verificati, il 94% delle cartelle cliniche.

La Regione Lazio governata da Nicola Zingaretti perciò ha sospeso il pagamento di 15,5 milioni di euro in fatture all’Ospedale Israelitico, e congelato i due protocolli d’intesa che la vecchia amministrazione aveva stipulato con la struttura sanitaria nel 2011 e nel 2012.

Dalla Regione Lazio fanno sapere che: “Nella perquisizione presso gli uffici regionali della sanità questa mattina i Carabinieri del Nas hanno acquisito materiali su filoni d’indagine già noti rispetto alla presunta truffa ai danni del servizio sanitario regionale da parte di operatori e responsabili dell’Ospedale Israelitico. I fatti relativi alle fatturazioni al centro dell’inchiesta risalgono al periodo 2006/2009. Nel 2011 e nel 2012 con due diversi decreti la precedente amministrazione ratificò accordi che consentivano la liquidazione, al momento bloccata, delle prestazioni erogate. Nel 2014 con il decreto 128 l’attuale amministrazione in autotutela ha annullato i due provvedimenti ricalcolando l’entità delle prestazioni erogate dal 2006 al 2009 e risultate dalle verifiche non congrue per 17 milioni di euro. Gli uffici regionali sono a disposizione della Forze dell’Ordine per facilitare il loro lavoro e quello della Magistratura.

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 6232 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.