Prati – Quattro Carabinieri feriti da un chlochard



Attimi di terrore l’altro pomeriggio nel quartiere Prati, dove un clochard di origini tedesche, Bogner Klaus Dieter, 62 anni, ha accoltellato un carabiniere all’addome e ne ha feriti lievemente altri tre.

Le forze dell’ordine, sono state allertate da una telefonata fatta da un negoziante della zona, intorno alle 17,30, che li avvertiva di un barbone che infastidiva i passanti; solitamente l’uomo non si spingeva oltre qualche insulto, ma in quel momento teneva in mano un martello e minacciava i passanti.

Immediatamente giunge sul posto una pattuglia della stazione Prati, composta dal maresciallo Pasquale Leone e il carabiniere Natale Rutigliano, che scendono dall’auto e cercano di avvicinarsi al barbone. L’uomo è fuori controllo, minaccia di lanciare il martello contro di loro mentre urla frasi senza senso; in quel momento è giunto sul posto anche il carabiniere di quartiere, vice brigadiere scelto Ciro Russo, che stava facendo il solito giro di ronda.

Nel giro di pochi minuti la situazione è degenerata e i carabinieri si sono visti costretti a richiedere rinforzi. In piazza della Libertà, arriva anche il Colonnello Claudio Rubertà, comandante del Nucleo radiomobile.

I Carabinieri tentano di calmare l’uomo, un agente lo raggiunge mentre tenta di scappare, viene fermato ma proprio in quell’istante tira fuori un coltello e lo ferisce alla mano;  inizia così a minacciare tutti gli agenti che si sono avvicinati, ma proprio il Colonnello Rubertà, fa segno ai colleghi di fermarsi, è lui che si avvicina di più, nella speranza di far ragionare l’uomo che intanto grida “Mi volete arrestare, ma io sono un uomo libero.” A quel punto Bogner  sferra il colpo contro il fianco del Carabiniereraggiungendo il peritoneo (una sottilissima membrana che racchiude l’apparato digerente, ndr).

Queste le dichiarazioni del Colonnello Rubertà, ricoverato d’urgenza, in prognosi riservata, all’Ospedale Santo Spirito: “Ero nelle vicinanze di piazza della Libertà, quando è arrivata via radio la richiesta di aiuto dei colleghi della stazione Prati. Dicevano che il barbone era armato e li aveva feriti a coltellate. Io e l’altro carabiniere che era in macchina con me ci siamo precipitati sul posto, il clochard era fuori di sé. Ho deciso di intervenire perché la situazione era critica. Dovevo capire come gestirla al meglio. Mi sono avvicinato al barbone per parlargli, ho cercato di calmarlo, gli ho detto di lasciare stare l’arma, che non era successo nulla di grave e che tutto si poteva aggiustare. A quel punto l’ho bloccato per le spalle, siamo finiti a terra e lui mi ha tirato la coltellata nel fianco. La lama è entrata per 5 centimetri, ho sentito la punta entrare in profondità. Ho avvertito un bruciore solo quando l’arma bianca è stata estratta. Ho pregato che non mi avesse colpito alla milza. Poi ha visto che perdevo poco sangue e allora ho capito. Pochi centimetri più in là e rischiavo di morire, così hanno detto i medici.”

Gli altri carabinieri, hanno riportato delle ferite, per fortuna superficiali, alle braccia e ai polpacci e sono stati medicati uno al Santo Spirito e due al San Carlo di Nancy,  sono stati subito dimessi con prognosi di pochi giorni.

I testimoni parlano di attimi di puro terrore, come la farmacista di Piazza della Libertà: “Era come in un film poliziesco: ho visto quell’uomo che scappava con il martello in mano e i carabinieri lo inseguivano, la gente gridava. Lo hanno bloccato proprio davanti alla vetrina del mio negozio. Ho avuto molta paura, in strada c’era il panico, ho sentito le grida e sono uscita, ho visto i carabinieri che rincorrevano un uomo che aveva in mano il martello e minacciava chiunque. La corsa si è arrestata proprio davanti la farmacia, quell’uomo già dalla mattina dava segni di squilibrio; aveva minacciato una persona. Ho visto i carabinieri feriti e molto sangue: così ho dato un primo soccorso portando disinfettante e garze per medicare i carabinieri, una scena spaventosa.”

Mentre la proprietaria di un altro negozio racconta che “Stava sdraiato su una panchina e blaterava frasi senza senso, una mia cliente mi ha raccontato che aveva appena aggredito anche suo marito“.

L’accoltellatore è stato arrestato, dagli stessi militari feriti, con l’accusa di tentato omicidio. Il comandante provinciale dei carabinieri di Roma, il Colonnello Salvatore Luongo sottolinea che non è stato esploso nessun colpo d’arma da fuoco: “Nessuno ha usato armi. I colleghi hanno cercato di tutelare le numerose persone presenti in strada per evitare ogni allarmismo. Per fortuna nessuno dei carabinieri è rimasto ferito in modo grave – prosegue il Colonnello Luongo – L’intervento in piazza della Libertà è la dimostrazione concreta dell’attenzione e del controllo che abbiamo sul territorio.

Samantha Lombardi

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Samantha Lombardi 6296 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.