Roma – Tangenti, arrestata archeologa della soprintendenza

guardia di finanza



Anche l’archeologia non rimane immune alle tangenti. Qualche giorno fa, infatti, la Dott.sa Paola Quattrini, un’archeologa che lavora presso la Soprintendenza dei Beni Archeologici del Lazio, è stata arrestata con l’accusa di percepire tangenti da mille euro in cambio dei nullaosta per interventi edilizi in aree con il vincolo archeologico, arresto eseguito dai finanzieri del Comando provinciale di Roma. Con lei altri quattro indagati, due sono suoi colleghi d’ufficio. La Dott.sa Quattrini operava soprattutto nel Frusinate.

Le indagini, svolte dal Nucleo di polizia tributaria – Gruppo tutela patrimonio archeologico di Roma e coordinate dalla procura della Repubblica, hanno portato alla luce un vero e proprio racket, dove l’archeologa, induceva nelle vittime una vera e propria sudditanza psicologica, in pratica, la donna avrebbe imposto ai committenti degli archeologi di sua fiducia non dipendenti dal ministero.

Il meccanismo era semplice, tutti coloro che dovevano avviare i lavori si rivolgevano a lei, pagavano, e avevano però l’obbligo di assumere un architetto di fiducia della funzionaria per svolgere l’intero incarico che, a quel punto, non incontrava più intoppi. Una squadra di tecnici che, in alcuni casi, lavorando soprattutto grazie alle sue segnalazioni, avrebbero versato una percentuale dei compensi ottenuti alla stessa Quattrini.

Per quanto riguarda l’incasso delle tangenti, a volte  erano direttamente i supervisori ad incassare le mazzette e ne consegnavano una percentuale alla funzionaria arrestata, come ringraziamento per aver procacciato i clienti. In altri casi avrebbe invece percepito direttamente dai privati l’intera somma pattuita per il servizio reso dallo stesso operatore da lei “caldeggiato”; una tangente che in larga parte la dottoressa avrebbe trattenuto per se’, lasciando ai suoi collaboratori solamente qualche briciola.

Le indagini, hanno quindi consentito di far emergere un giro di tangenti (circa 150.000 euro)  richieste per assicurare il buon esito delle procedure amministrative che la legge richiede ai proprietari di aree tutelate dal punto di vista archeologico che vogliano eseguire opere di intervento edilizio. Tutto questo era possibile anche grazie anche alla connivenza di alcuni colleghi pronti a chiudere un occhio proprio su quelle procedure sulle quali avrebbero invece dovuto vigilare. Dalle indagini è emerso anche che questa prassi andava avanti  dal 2011.

Il MiBact ha immediatamente sospeso dal servizio l’indagata ed avviato un procedimento disciplinare nei suoi confronti e anche nei confronti degli altri due indagati. Nella sede della Soprintendenza dove i tre lavoravano è stata avviata un’ispezione amministrativa.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.