MotoGp: libere ad Assen, il ritorno di Viñales

Maverick Viñales torna prepotentemente a dominare la tabella tempi e lo fa nella prima giornata ad Assen. Con il crono di 1:33.130s il leader della categoria regina mette il punto ad un venerdì ricco antipasto di un GP che si preannuncia emozionante. Dominano le Yamaha, ufficiali e satellite, inseguono le Honda e le Ducati dimostrano un passo da primato. Ci sono tutti gli ingredienti affinché il fine settimana alla Cattedrale sia di grande spettacolo.




A metà della sessione una pioggia leggera torna a bagnare l’asfalto e piloti rientrano ai box aspettando il migliorare delle condizioni. Le precipitazioni cessano e tutti abbasseranno i loro tempi.

Dietro al talentuoso catalano su moto ufficiale le due M1 satellite del team Monster Tech 3 fanno da subito bene; dovranno poi cedere le posizioni ai piloti su Honda. Resiste solo Jonas Folger che chiude il duo di testa con il secondo tempo e un ritardo di 0,367s da Viñales rendendo la sfida di alta quota, forse, un affare solo per i prototipi di Iwata.

Il compagno di box Johann Zarco paga un ritardo di circa 0,8s e si ferma all’ottavo posto. Meglio del transalpino il Dottore: per nove volte campione della scuderia Movistar Yamaha è il sesto crono a 0,7s dal compagno di box, mentre, in settima piazza sale Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing); dopo aver dettato il passo in FP1 il ternano resta ancora con i migliori.

Le migliori Honda sono quelle di Marc Marquez e Cal Crutchlow. Per il portacolori Repsol e campione del mondo in carica il terzo tempo con un ritardo di 0,652s mentre per il britannico del team LCR il quinto posto a circa 0,69s dal primo. Dani Pedrosa (Repsol Honda), invece, è decimo della combinata.

Tra i due, un arrembante Andrea Dovizioso che in sella alla sua DesmosediciGP vuole fino all’ultimo dare battaglia alle moto giapponesi. Per il pilota del Ducati Team il quarto miglior tempo e un ritardo di 0,660s dal primo mentre il compagno di box Jorge Lorenzo è più arretrato e oltre le prima dieci posizioni.

Caduta per Sam Lowes e nessuna conseguenza per il pilota Aprilia Gresini con la prima moto di Noale, guidata da Aleix Espargaro, al tredicesimo posto.

Andrea Iannone (Suzuki Ecstar) è diciassettesimo.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8927 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.