In Consiglio approvata la delibera sul frazionamento nel centro storico

Il Consiglio Comunale ha approvato la delibera sul frazionamento nel centro storico proposta dall’assessore Piscopo, prime delibera inserita nell’ordine dei lavori delle sedute di oggi e di domani che hanno al centro l’approvazione del Documento Unico di Programmazione e dello schema di Bilancio 2017-2019. Prima dell’inizio dei lavori, l’assessore Mario Calabrese ha commemorato il professore Pascale scomparso lo scorso mese di marzo.




Presieduto dal Vice Presidente Fulvio Frezza, prima dell’appello iniziale si è svolto in Consiglio Comunale il Question Time, durante il quale il consigliere Nonno ha svolto interrogazioni sull’utilizzo dei “sampietrini” in Via Marina e sull’esproprio di una proprietà in Cavone della Morte nel quartiere Pianura, con risposte in aula dell’assessore alle Infrastrutture e Mobilità Calabrese. Nonno ha anche svolto un’interrogazione sul piano industriale di ANM, a seguito di un incontro richiesto dai lavoratori dell’azienda con l’assessore Panini, che ha risposto in Aula.
Presieduta da Alessandro Fucito, la seduta, con 37 presenti, si è aperta con la commemorazione, svolta dall’assessore Calabrese, del professor Luigi Pascale, scomparso lo scorso marzo a 93 anni, padre dell’ingegneria aeronautica napoletana. Del professor Pascale l’assessore ha ripercorso le principali tappe, sin dal dopoguerra con lo sviluppo di progetti di aereomobili, assemblati e testati anche personalmente, alla rapida e brillante carriera militare, alla fondazione nel 1964 dell’Istituto Progetto Veivoli e all’avvio di progetti imprenditoriali, attraverso le società Partenavia e Technam, per la costruzione di bimotori leggeri venduti in tutto il mondo. Lo scorso anno aveva ricevuto la laurea honoris causa in ingegneria aerospaziale presso la Seconda Università. L’Aula ha quindi osservato un minuto di silenzio.
I lavori sono iniziati con la discussione sulle comunicazioni al consiglio, svolte dal presidente Fucito, relative ad alcune delibere di Giunta. Sulle delibere di prelevamenti dal fondo di riserva per lavori di somma urgenza (in particolare le delibere n.131 e n.135) sono intervenuti i consiglieri Moretto (Prima Napoli) Brambilla (Movimento 5 Stelle), Palmieri (Napoli Popolare) – quest’ultimo intervenuto anche come presidente della Commissione Trasparenza – i quali hanno espresso riserve sulle modalità scelte dalla Giunta (quella di delibere sotto forma di prelevamenti dal fondo di riserva) per lavori di somma urgenza che devono essere approvati dal Consiglio sottolineando anche che, per casi come quello di Via Grottole, anche il ricorso ai lavori in somma urgenza è scelta inopportuna e ingiustificata.
L’assessore Piscopo ha iniziato quindi a illustrare la prima delibera all’ordine dei lavori (delibera di G. C. n. 46 del 9/02/2017) che propone l’approvazione della variante urbanistica relativa alla aggiunta del comma 2 all’articolo 22 – frazionamento – e alla conseguente aggiunta di alcuni articoli alle norme di attuazione del Piano Regolatore Generale. L’approvazione della variante urbanistica per il Centro Storico, ha detto l’assessore, consentendo i frazionamenti non solo sulla maglia portante ma anche sull’area di ingresso degli immobili, consentirà di prevenire nuovi abusi all’interno del centro storico e conservare il capitale umano che vi risiede. Non si tratta di una sanatoria degli abusi eventualmente compiuti finora con le separazioni già effettuate, né sancisce una possibilità di cambio delle destinazioni d’uso, è (ad esempio creando bed and breakfast), è semplicemente una formula diversa per disciplinare le separazioni tra le unità immobiliari. Dopo la relazione di Piscopo, la presidente della commissione Politiche Urbane, De Majo, ha evidenziato l’importanza della delibera per normare i frazionamenti nel centro storico in un momento particolarmente importante connesso al boom turistico, evitando la sua gentrificazione, la speculazione su appartamenti di grosse metrature e consentendo la permanenza delle famiglie originarie del centro storico. Sono quindi intervenuti i consiglieri: Moretto (Prima Napoli) che ha sottolineato come la nuova norma apra ad un aumento del numero dei residenti con un ulteriore sovraccarico della rete dei servizi già in uno stato di grande sofferenza; Menna (Movimento 5 Stelle) che ha apprezzato la scelta dell’amministrazione di farsi carico delle esigenze del centro storico definendo un quadro nuovo in cui si potrà agire nella legalità, annunciando l’emendamento del gruppo come un contributo alle nuove regole; Coccia (Sinistra Napoli in Comune a Sinistra) per la quale la delibera è utilissima ed evita la gentrificazione e governa dei fenomeni dei quali non può non tenersi conto; Troncone (Gruppo Misto) che ha espresso condivisione dei contenuti principali della delibera e degli obiettivi che la stessa si propone per migliorare la qualità del patrimonio immobiliare del centro storico. L’assessore Piscopo ha brevemente replicato, precisando che la domanda di regolamentazione nasce proprio dalle esigenze della popolazione residente e dà una risposta alle mutate condizioni di vita e ai cambiamenti sociali intervenuti.
Il consigliere Coppeto (Sinistra Napoli in Comune a Sinistra) ha a questo punto illustrato un ordine del giorno, a firma sua e di Pietro Rinaldi dello stesso gruppo, che chiede, al fine di evitare eccessi speculativi da parte dei proprietari degli immobili in frazionamento, di indicare che le parti frazionate, quando non condotte da familiari o congiunti, vengano immesse sul mercato locativo a canone concordato.L’ordine del giorno è stato approvato a maggioranza (con il voto contrario di Prima Napoli, Forza Italia, Santoro (Misto Fratelli d’Italia) e Napoli Popolare e l’astensione di Nonno (Misto Fratelli d’Italia). Anche un emendamento illustrato dalla presidente della commissione De Majo è stato approvato a maggioranza.
La delibera n. 46 è stata quindi approvata a maggioranza (con il voto contrario di Santoro del gruppo Misto – Fratelli d’Italia).

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8695 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.