Il 2017 vede un calendario fittissimo di impegni per la Fondazione Musei Civici di Venezia

Avviatosi all’insegna delle grandi mostre e delle collaborazioni internazionali, con le esposizioni in corso su Jheronimus Bosch aPalazzo Ducale, William Merritt
Chase a
Ca’Pesaro e sui disegni dei pittori francesi dalla Collezione Prat al Museo Correr, il 2017 vede un calendario fittissimo di impegni per la Fondazione Musei
Civici di Venezia.

Da un lato gli eventi temporanei– ben 21 i progetti espositivi inseriti nel programma dei musei veneziani, molti dedicati a nomi di fama mondiale come
David Hockney, Shirin Neshat, Gaetano Pesce ma anche a raccolte di straordinario valore come la Collezione Al Thani in arrivo per la prima volta in Italia
– dall’altro gli interventi sulle collezioni permanenti, sul patrimonio archivistico, sulle strutture museali e i relativi servizi al pubblico.
Tra le parole d’ordine della Fondazione – con la direzione di Gabriella Belli da dicembre 2011 e la presidenza di Mariacristina Gribaudi, che ha da poco festeggiato
il primo anno alla guida dei musei – c’è infatti la valorizzazione dei siti e del patrimonio (12 palazzi storici, circa 700.000 opere d’arte e immensi archivi) –
che significa ricerche, restauri, adeguamenti funzionali, aperture di nuovi ambienti e percorsi, forme rinnovate di accessibilità e vivibilità dei musei
oltre a sistemi adeguati di comunicazione e coinvolgimento del pubblico: il tutto con un occhio di riguardo per i veneziani e per la città nella sua accezione
metropolitana.

RIDISEGNATO IL PERCORSO PERMANENTE DI CA’ PESARO
SPAZIO AI “RIBELLI”, CIRCA 60 NUOVE OPERE DAI DEPOSITI E L’ARRIVO DELLA COLLEZIONE FRANCESCO E CHIARA CARRARO.
ESP
OSTI NUCLEI DELLA COLLEZIONE ILEANA SONNABEND E PANZA DI BIUMO.

Proseguendo dunque il complesso lavoro condotto in questi cinque anni – che ha già portato al restyling di percorsi, a nuovi allestimenti e ampliamenti, dal
Museo Correr al Museo del Vetro, da Ca’ Pesaro a Palazzo Mocenigo – anche il 2017 sarà foriero di novità, a partire già dal prossimo maggio, con il nuovo
percorso espositivo della collezione permanente di Ca’ Pesaro completamente ripensato nelle sue linee guida da Gabriella Belli, grazie anche all’arrivo
di circa 90 opere
della preziosa Collezione di Francesco e Chiara Carraro, ottenuta in deposito a lungo termine dai Musei veneziani.

Saranno circa 60 le opere delle collezioni civiche che usciranno dai depositi per essere esposte nelle monumentali sale della Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Venezia nel nuovo percorso, che dedicherà un’intera sala ai “Ribelli di Ca’Pesaro” e ricomporrà uno spazio destinato a Klimt mettendo in dialogo la Giuditta II anche con opere su carta di particolare importanza,da Ensor a Munch, da Odilon Redon a Felicien Rops.
Due stanze di grande suggestione saranno occupate dai capolavori in vetro e dai magnifici dipinti della Collezione Carraro:Antonio Donghi, Giorgio Morandi, Giorgio de Chirico, Arturo Martini e altri importanti protagonisti del Novecento italiano, dialogheranno come nella casa del collezionista, con un nucleo preziosissimo di vetri del XX secolo, da Bellotto a Zecchini, da Scarpa a Venini.

A seguire, alcune sale dedicate alla figurazione novecentista, quella meno retorica, legata al clima del realismo magico diCasorati, de Chirico, Carrà, Martini. Un focus dedicato alle presenze internazionali nella collezione del museo vedrà ruotare attorno ai capolavori di Calder e di Kandinsky, opere di Klee, Picasso, Matisse, Beckmann, preziosi capolavori su carta, alcuni esposti per la prima volta, testimonianza della lungimiranza collezionistica della Città di Venezia e dei molti notabili che, almeno fino ai primi anni Sessanta, contribuirono allo sviluppo delle collezioni d’arte contemporanea della Città.

Una sala dedicata ai tre massimi Maestri del secondo ‘900 italiano, Burri, Afro e Fontana, chiuderà il percorso permanente conopere date generosamente in prestito dalle Fondazioni di riferimento di questi autori, che saranno presentati nella peculiarità dei loro anni emergenti, quegli anni Sessanta che li videro protagonisti della trasformazione dell’arte italiana del secondo dopoguerra, con uno slancio creativo di forse irripetibile originalità.
Al piano superiore, invece, a conferma del ruolo e del prestigio conquistato a livello nazionale e internazionale da Ca’ Pesaro e dai musei veneziani, il pubblico potrà ammirare un approfondimento sull’Arte Povera con opere della Collezione di Ileana Sonnabend, arricchite da alcuni capolavori di recente giunti a Venezia, affiancati ad una selezione di autori americani degli anni Ottanta e Novanta, scelti tra i 23 dipinti della recente donazione Panza di Biumo.

MUSEO CORRER E PALAZZO DUCALE, NUOVI INTERVENTI
IN ARRIVO IL “MUSEO DELL’OTTOCENTO” E NEL PALAZZO DEI DOGI RESTITUITE DALL’OBLIO LAQUARANTIA CIVIL VECCHIA E LA QUARANTIA CIVIL NOVA.

Continueranno nel corso del 2017 gli interventi di valorizzazione degli spazi espositivi del Museo Correr. Da un lato, prenderanno avvio ex novo i lavori di restauro dell’area mostre temporanee al secondo piano: un progetto totalmente sponsorizzato da privati che prevede non solo nuove tecnologie di climatizzazione e illuminazione, ma anche la realizzazione di un ascensore, che collegherà il primo con il secondo piano.
Dall’altro, grazie al Comitato Francese per la Salvaguardia di Venezia, che da oltre 17 anni collabora con la Fondazione per il recupero di Palazzo Reale,
si completerà l’opera di restauro delle 20 Sale, in gran parte fronte bacino.
L’insieme delle stanze costituirà un percorso unico insieme alle sale del Museo Correr, tra loro collegate da una circolarità da decenni auspicata, resa possibile grazie al recupero della Sala Papadopoli: in queste sale, e negli annessi studioli, troverà spazio il Museo dell’Ottocento, nel quale verrà ripristinato un percorso museografico dedicato alla storia del Risorgimento veneziano, mentre sul fronte Piazza San Marco tornerà fruibile il lascito Morosini.

Anche a Palazzo Ducale, simbolo della Storia della Serenissima, si completeranno – sempre con l’aiuto di sponsor privati e con la guida di Pierluigi Pizzi
i lavori per dotare di una nuova illuminazione la Sala del Maggior Consiglio.
Saranno inoltre riaperte in tutta la loro eccezionale ricchezza le sale dell’armeria, a lungo interdette al pubblico, di cui era stato avviato lo scorso anno il restauro: la Quarantia
Civil Vecchia
e la Quarantia Civil Nova verranno dunque sottratte all’oblio e riaperte nella loro originale bellezza,restaurate e dotate di una nuova illuminazione.

Infine, mentre proseguono i restauri di singole opere o di porzioni di edifici grazie alle collaborazioni con partner privati, continua l’impegno della Fondazione per
l’archiviazione e inventariazione delle collezioni.  Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018 vedranno la luce alcune pubblicazioni come il catalogo generale
della Pittura del Sei-Settecento,
il volume dedicato alla Collezione di Pittura di Ca’Pesaro e il catalogo generale delleMaioliche.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 7603 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.