Moto 2: Lowes, vittoria in solitaria al MotorLand

La gara al MotorLand si apre con condizioni favorevoli, il sole splende sul tracciato e le temperature sono in aumento e il migliore del warm up è stato Franco Morbidelli che partirà dalla terza fila. La griglia di partenza è comandata Sam Lowes affiancato da Alex Marquez, vittima di lieve incidente nel warm up e Nakagami. Nelle prove mattutine anche Lorenzo Baldassarri (Forward Team) è stato protagonista di una caduta alla curva due, nulla di grave per il pilota marchigiano ma la scivolata ha causato gravi danni la suo prototipo e il box ha dovuto ingaggiare una corsa contro il tempo per sistemare la moto per la gara. Baldassarri, vincitore nell’ultimo GP a Misano Adriatica, partirà in fondo alla seconda fila. Qualifiche da seconda fila per Zarco, il leader della classe partirà dalla quinta posizione mentre il suo rivale in campionato, Alex Rins (Paginas Amarillas HP 40) scatterà arretrato dalla quinta fila.

Le condizioni climatiche e la temperature in aumento hanno contribuito in modo determinate alla scelta delle gomme, Dunlop medie davanti e dietro per i protagonisti della classe intermedia.  Si spegne il semaforo e Marquez parte bene mettendosi al comando davanti a Lowes che subito aggressivo prova avere la meglio sullo spagnolo. Bell’avvio di Baldassarri, ora terzo mentre il numero 22 Gresini ha la meglio sul pilota Estrella. Quarto è Nakagami poi Jonas Folger (Dymavolt Intact GP), Zarco e Tom Luthi (Garage Plus).  Morbidelli è ottavo davanti a Corsi. La partenza di Rins è stata buona, ora il pilota di Barcellona chiude la top ten.

Al primo giro Lowes e Marquez hanno già oltre un secondo su Baldassarri mentre Rins sorpassa Zarco che all’avvio aveva perso posizioni. Il britannico impone un ritmo altissimo alla gara, solo Marquez riesce a tenere la sua ruota. Lowes mette a referto il giro più veloce mentre il leader della classe arretra ancora, è decimo davanti a Mattia Pasini (Italtrans Racing). Al terzo giro Baldassarri deve lasciare la terza piazza a Luthi mentre i due piloti in testa allungano ancora.

Prosegue la rimonta di Rins che può approfittare della gara difficoltosa di Zarco per avere la meglio su di lui in campionato. In discesa invece Baldassarri, ora settimo e alle spalle di Morbidelli. Comanda sempre Lowes, ora a un secondo circa da Marquez, poi Luthi e Nakagami mentre l’italiano del team Estrella Galicia 0,0 ha un ritmo molto forte e recupera sul nipponico, Morbidelli è ora quinto.

Dopo dieci giri le posizioni si sono stabilizzate. Lowes continua la sua gara in solitaria staccando Marquez di circa 2 secondi. A sua volta il pilota di Cervera ha la stessa distanza da Luthi. Morbidelli chiude la top five davanti a Rins. Zarco resta decimo e il gruppo ormai è diviso in quattro parti: Lowes solo al comando e seguito da Marquez, poi un terzetto in lotta per il podio e i rimanenti quattro corridori capitanati da RIns.

A meno sette giri dalla fine Morbidelli ha la meglio sul pilota elvetico Garage Plus ed è terzo. Mentre dopo qualche passaggio si accende la sfida per la vetta del campionato: Rins è sesto ma inseguito da Baldassarri e soprattutto da Zarco che non vuole cedere il primato iridato, i due sono separati da solo tre punti. Il marchigiano ha la meglio sullo spagnolo che ora è davanti al cupolino della Kalex Ajo Motorsport; ma Rins non demorde e torna davanti a Baldassarri mentre Morbidelli ha raggiunto il compagno di box e proverà ad avere la meglio su di lui. Lowes è sicuro al comando mentre la piazza d’onore è un affare ancora aperto. Dietro, Luthi e Nakagami ma distanti.

Ultimo giro, Morbidelli prova l’attacco, Marquez risponde e recupera la posizioni persa per qualche metro. Lowes taglia il traguardo con oltre 3 secondi di vantaggio sul due Estrella. Mentre dietro Zarco tiene la vetta iridata per un punto, è ottavo con Rins sesto. In mezzo a loro Baldassarri.

Fonte: motogp.com

loading...
loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8096 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.