4 dicembre 2016

Marianna Zappi trionfa alle audizioni di X Factor UK

“Sono felice, ma allo stesso tempo consapevole del fatto che si tratta solo di un inizio e che la vera sfida deve ancora arrivare.”
Preferisce tenere i piedi per terra Marianna Zappi, la cantante 34enne per metà civitavecchiese, trasferitasi a Londra ormai da quasi 10 anni, che nei giorni scorsi ha brillantemente superato le audizioni del programma “The X Factor UK”, seguitissima versione britannica del fortunato talent ideato da Simon Cowell, la cui edizione italiana è trasmessa da Sky.
Un’audizione carica di emozione alla quale la giovane artista si è presentata accompagnata dall’amica Nadine, che ha assistito all’intera performance da un monitor, in compagnia del conduttore del programma Dermot O’Leary.
Quattro i giudici, cui in queste settimane spetta il compito di vagliare i candidati, per scegliere chi tra loro potrà accedere al programma vero e proprio. Dal padre del format Cowell, uno dei personaggi più influenti della discografia mondiale, fino all’impresario irlandese Louis Walsh (agente, tra gli altri, anche dei Boyzone e poi dello stesso Ronan Keating), alla “music manager” Sharon Osbourne, per arrivare all’attrice e cantautrice Nicole Scherzinger.
Davanti a loro e alle telecamere del programma, Marianna ha scelto di interpretare un’appassionata versione di  “Redemption Song”, capolavoro di Bob Marley. “Una scelta – spiega oggi la giovane cantante – non casuale, ma dettata dal fatto che si tratta di una canzone dedicata alla libertà, che è sempre stata e sempre sarà il filo conduttore della mia vita.”
Nella clip dell’audizione, pubblicata su YouTube e subito diventata virale, collezionando oltre 350mila visualizzazioni in meno di 48 ore, Marianna Zappi emoziona e si emoziona, al punto di scatenare la commozione di uno dei giudici e apprezzamenti plateali dagli altri. È Walsh a rompere gli indugi e a dichiarare “I say yes”, seguito a ruota dagli altri, spalancando così alla cantante civitavecchiese le porte della 13esima edizione di X Factor UK.
“È stata una grande emozione – ammette ora sorridendo e ripensando a quegli interminabili minuti – ma non una di quelle dettate dall’incertezza, quanto piuttosto dal fatto che mi sento finalmente pronta a vivere questo sogno. Perché quando i sogni si avverano bisogna non farsi cogliere di sorpresa. Sono andata lì felice, contenta di fare un’audizione come un milione di altre audizioni fatte finora, con tante speranze ma poche aspettative.”
È proprio questo, secondo Marianna, il segreto per non perdere la via. “Molte volte – aggiunge – ho anche io pensato di mollare, dopo i mille fallimenti o le mille porte sbattute in faccia nelle quali inevitabilmente mi sono imbattuta, ma poi ogni volta mi sono detta che Se Dio mi ha donato la voce è perché io ne faccia un buon uso.”
Un pensiero, Marianna, che nei prossimi giorni sarà a Civitavecchia per impegni familiari, lo rivolge proprio alla sue terre di origine, da dove, sotto la guida dell’insegnante di canto Lorena Scaccia, scomparsa nel giugno del 2007, è iniziata la sua avventura musicale, che l’ha poi portata a girare il mondo come unica voce bianca nel coro dei Dallas Gospel Singers, per poi stabilirsi a Londra, proprio dopo la morte di Lorena, al fianco della quale era voluta rimanere fino alla fine. Lì ha finora inseguito con grande tenacia il suo sogno di cantare e scrivere canzoni in inglese, esibendosi in questi anni in tutti i migliori locali della capitale britannica. Un legame, quello con Civitavecchia, mai spezzato, come testimoniano i mille attestati di affetto dei quali si è popolato il suo profilo Facebook in questi giorni e la grande amicizia rimasta con Angelo Lucignani, che alla morte della moglie Lorena Scaccia, ha preso il timone della sua scuola di canto. “È in momenti come questi che vale la pena ricordarsi da dove si viene – conclude infatti Marianna – perché è l’unico modo per capire dove è importante arrivare. Se dovessi indicare il mio obiettivo personale, di sicuro non metterei al primo posto la fama o il successo. Per me e per la mia famiglia chiedo solo quella pace e la serenità sulle quali non sempre ho potuto contare. E poi, naturalmente – conclude – spero di avere  la possibilità di continuare a fare quello che amo fare: cantare.”