4 dicembre 2016

Calcio, Coppa Italia, I° Turno: il forcing dell’Ostia non basta, sorride la Torres

Finisce prematuramente l’avventura in Coppa Italia dell’Ostiamare di mister Greco, sconfitta 2 a 0 dalla Torres di Bacci all’Anco Marzio, nel I Turno della competizione. Gara stregata per i lidensi che, sotto nel punteggio (rete di Merino al 26′ del primo tempo) regalano al folto pubblico assiepato in tribuna una seconda frazione d’applausi, con una traversa e altre occasioni che non si sono tramutate in gol per pochissimo. Nel finale, a tempo scaduto, invece, arriva il 2 a 0 (a firma di Ammoscato) di una cinica Torres che si porta via vittoria e qualificazione.
“Non è stato l’esordio che ci aspettavamo, prendiamo il buono che c’è stato e continuiamo a lavorare in vista della prima di campionato”. Così, in poche parole, al termine della sua prima ufficiale sulla panchina biancoviola, il mister dell’Ostia, Alfonso Greco che, comunque, può ripartire dall’ottima ripresa, nella quale si è vista un’Ostiamare ancor più vivace e pericolosa, e nella quale si è messo in evidenza uno dei volti nuovi a Via Amenduni, lo sgusciante Coco, classe ’96, che ha imperversato sulla sua fascia, regalando vivacità all’attacco lidense.
Proprio nella ripresa, dopo l’emozionante “abbraccio” alle popolazioni colpite dal terremoto e un primo tempo nel quale l’Ostiamare ha tenuto bene il campo fino alla disattenzione che, al 26′, ha portato al gol sardo (iniziativa di Scalzone e assist per Merino che, nel cuore dell’area, trafigge un incolpevole Quattrotto), i lidensi attaccano a testa bassa, dimostrando grande condizione ed energia, ma il gol non vuole saperne di arrivare nonostante la mole di lavoro prodotta dalla formazione biancoviola.
Clamorosa, su corner di Coco, la traversa colpita da Colantoni, ad Adragna battuto, poi Piroli prova a girare nel cuore dell’area ma la sfera finisce alta. Occasionissima ancora più tardi per Attili che impatta benissimo di testa, ma trova la deviazione “di spalla” di un difensore rossoblù e così è solo corner. In quello stesso frangente ce ne saranno ben 4 a dimostrazione della pressione lidense. Anche Vano ha la chance di colpire ma il gigante dell’Ostia viene fermato proprio nell’istante della conclusione.
Insomma, fino alla fine è un monologo dell’Ostiamare, con la Torres che rischia più volte di subire la rete, ma al 91′, beffardo e cinico, arriva il 2 a 0 della squadra sassarese, che chiude definitivamente l’avventura dei Gabbiani in Coppa Italia. E’ Ammoscato a firmare il gol, in azione di contropiede. Ora testa al campionato, Domenica tutti a tifare Ostiamare all’Anco Marzio, alle 15, contro il Latte Dolce, un’altra sassarese per la prima ufficiale in campionato dei ragazzi di Alfonso Greco.

COPPA ITALIA, I TURNO
OSTIAMARE – SEF TORRES 0-2
OSTIAMARE: Quattrotto, Calveri, Vecchiotti, Bellini, Colantoni, Piroli, Ferrari (1’st Coco), D’Astolfo (25’st Cristiano), Vano, Magrassi (1’st Catese), Attili. A disp. Barrago, Palmieri, Baldinelli, Rondoni, Breda, Fraschetti. All. Alfonso Greco.
SEF TORRES: Adragna, Sassu, Della Guardia, Bachis (30’st Bisogno), Posillipo, Mezzapelle (8’pt De Ambrosis), Badami, Simonetti, Mucilli (20’st Ammoscato), Merino, Scalzone. A disp. Insenna, Ladu, Ferrarini, Evola, Minunzio. All. Bacci.
ARBITRO: Pascarella di Nocera Inferiore. ASSISTENTI: Nasti di Napoli; Zanfardino di Frattamaggiore.
MARCATORI: 26’pt Merino, 46’st Ammoscato (T).
NOTE: Prima dell’inizio della sfida è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime del terremoto.

Riccardo Troiani