6 dicembre 2016

Pompei, presentate a Roma le prime proposte per il Piano Strategico per la buffer zone

 

“Sul sito archeologico di Pompei il Governo ha lavorato e sta lavorando con grande attenzione ottenendo risultati molto importanti. Adesso tutte le istituzioni devono impegnarsi nella realizzazione di interventi di riqualificazione delle aree esterne al sito per migliorarne l’attrattività e l’accessibilità. Quello sulla buffer zone è un lavoro fondamentale che avrà effetti positivi per tutto il territorio”. Lo ha detto il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini intervenendo questo pomeriggio al Comitato di Gestione del Grande Progetto Pompei a cui hanno partecipato tutti i sindaci dell’area e le istituzioni coinvolte. Nel corso della riunione, il generale Luigi Curatoli ha presentato un dettagliato elenco di interventi infrastrutturali, di promozione, riqualificazione e rigenerazione urbana dei territori come contributo alla Redazione del Piano Strategico per lo sviluppo della buffer zone dell’area archeologica di Pompei. Gli interventi, che saranno integrati dalle proposte delle amministrazioni locali, sono divisi in tre linee d’azione: il miglioramento delle vie di accesso e di interconnessione ai siti archeologici, il recupero ambientale dei paesaggi degradati e compromessi, la riqualificazione e rigenerazione urbana. A settembre vi sarà un nuovo incontro del Comitato dedicato ai collegamenti ferroviari che affronterà anche il tema sollevato dal ministro Franceschini dell’opportunità di portare l’alta velocità a Pompei.