8 dicembre 2016

MotoGp, Jack-Assen: la pagella del Dicos

JACK MILLER 10: L’ultimo rider privato in MotoGp quando ha vinto? Come si chiama l’ultimo australiano ad aver vinto prima di Assen nella massima serie? Tra il diluvio ed il non diluvio olandese il pilota di Townsville si comporta come un falco dopo aver avvistato la sua preda. Studia, parte, afferra, divora la prima gara nella classe regina e mette a tacere quanti dubitano del suo talento. Speriamo che Jack possa continuare ad esprimersi ai massimi livelli, perché il nostro sport ha bisogno di volti nuovi, veloci e veramente allegri come il suo. Bravissimo!!!

 

 

MARC MARQUEZ 9: Una errata, a mio parere, interpretazione del regolamento lo penalizza quando girava molto ma molto più forte di chi lo precedeva (altri 2 giri e la gara poteva considerarsi conclusa). Dopo il secondo via è stato bravo ad usare alla grande sia il polso sia il cervello. Alla fine dei giri di giostra torna a casa con 24 punti di vantaggio su Lorenzo, 42 su Mister 9 volte. Tutto sommato per lui il fine settimana è stato quasi perfetto. Il mondiale inizia a prendere la direzione del suo box….Vamos!!

 

SCOTT REDDING 8,5: La prima desmocreatura a tagliare il traguardo è quella cavalcata dal ventitreenne dell’Octo Pramac Yakhnich. Risultato che ripaga solo in parte le ambizioni di Borgo Panigale ma regala una grande gioia ad uno dei giovani più promettenti. La sua grinta tra i cordoli è stata superiore alle insidie dell’acqua e dell’asfalto umido. Anche per lui vale il discorso fatto per Miller. Bravo!!

 

JORGE LORENZO 4: Malissimo prima della bandiera rossa, male fino alla bandiera a scacchi. Da “Campioni” a “Chi l’ha visto?”….Resta la magra soddisfazione d’essere il primo e l’unico ufficiale Yamaha al traguardo. Yamaha….Ducati….Firma….No, Andreotti questa volta non posso citarlo….oppure si? Vabbè!

 

VALENTINO ROSSI 5: Ha un’occasione d’oro per ridurre sensibilmente i distacchi in classifica ma spreca tutto con una banale scivolata. Dalla ”Bandiera Rossi la trionferà” si è passati a “Yellow Submarine”….qualcuno, nel frattempo, dopo il Vrexit, davanti ad un microfono è passato dai toni da stadio a quelli da funerale…..mannaggia mannaggia….Dispiace perché fino a quel momento la sua gara era stata perfetta. Riprova!

 

HONDA: Prima con una privata, ma per me è ancora un pelino indietro.

 

DUCATI: A livello delle migliori….

 

YAMAHA: Ancora la migliore.

 

SUZUKI: attardata.

 

APRILIA: Abbastanza attardata.

 

GARA: Finalmente una bella gara ricca di sorpassi e suspense.

 

SICUREZZA: Da quando il cemento serve a rallentare una moto?

 

REGOLAMENTO e GIUSTIZIA: Ancora una volta ad Assen abbiamo assistito ad una interpretazione, ossia, una non interpretazione del regolamento. In Olanda non solo si possono tagliare le chicane, ma anche non accendere le luci posteriori quando piove; un adesivo giallo sulla moto e tutto “si puote”. Tra i giornalisti impegnati nella telecronaca, nessuno ha sollevato la questione. Sui social network la maggioranza dei giornalisti di settore ha fatto finta di nulla. Trovo ciò vergognoso, perché il regolamento dello sport del quale si narrano le storie, dovrebbe essere conosciuto. Hanno perso di vista le norme in quanto la luce del loro datore d’immagine è troppo forte, accecante? Quando non ci arriva quella sportiva, però, può arrivarci quella divina….

Fonte foto: www.motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.