10 dicembre 2016

Dubbi della WADA sul meldonium. Forse la squalifica della Sharapova verrà sospesa.

Ieri la Wada, agenzia mondiale dell’ antidoping, ha diramato un comunicato in cui rivede le restrizioni legate al meldonium, farmaco utilizzato da molti atleti russi tra cui la tennista Maria Sharapova.

Questo provvedimento dell’antidoping nasce da un dubbio relativo al periodo di smaltimento, da parte dell’organismo, del meldonio dopo l’assunzione. Rientrerebbero in tale particolare fattispecie tutti gli atleti che, prima del mese di marzo, sono stati trovati positivi con tracce del farmaco nell’organismo non superiori ai 15 microgrammi per millilitro.

Per Maria Sharapova potrebbe essere una buona notizia perché se i quantitativi di meldonio, riscontrati nel prelievo dello scorso febbraio, corrispondessero a quelli stabiliti dalla nuova normativa arriverebbe la sospensione della squalifica.

Parole di critica verso la WADA si levano dallo staff della Sharapova attraverso il suo avvocato John Hagetry: “Il fatto che la WADA si sia sentita in dovere di rilasciare una dichiarazione così insolita è la prova di quanto mediocremente sia stata gestita la questione relativa al Meldonium nel 2015. Tenuto conto del fatto che i risultati all’antidoping sono stati positivi a una sostanza che non era considerata dopante fino al 2015, è chiaro che la Wada non ha gestito in modo appropriato la questione l’anno scorso. Cosa che sta cercando di fare adesso. Vorrei chiedere con forza come mai così tante domande legittime sono state sollevate per quanto riguarda il lavoro della Wada circa il processo che ha portato a vietare l’uso del Meldonium e sul modo scelto per avvisare gli atleti. Un avviso di tale portata avrebbe dovuto essere ampiamente distribuito nel 2015. Avrebbe fatto la differenza nella vita di molti atleti”