11 dicembre 2016

Mondiale Enduro: il Team Italia debutta in Marocco

Il Team Italia ha fatto il suo esordio nel Campionato Mondiale di Enduro che si è concluso, ieri, ad Agadir in Marocco. E’ stato un fine settimana di esperienza quello vissuto da Matteo Rossi e Michele Marchelli, in gara nella classe EJ e da Mirko Spandre nella classe EY, che hanno iniziato a prendere confidenza con le competizioni mondiali.

Il primo giorno di gara si è concluso con il 12° posto di Rossi ed il 17° di Marchelli che, nel seconda giornata, hanno dimostrato di poter migliorare la precedente prestazione avvicinandosi al leader della tappa, Giacomo Redondi, grazie ad una riduzione della distanza in termini di tempo. Rossi, forte dei risultati delle prove speciali che lo hanno visto sempre tra i primi 5, ha conquistato il 10° posto mentre Marchelli ha cocluso la gara 14°.

Diverso il weekend dell’uscente Campione Europeo Under 20, Mirko Spandre, che nella classe EY, ha sfiorato il podio in entrambe le giornate classificandosi 4°. Nel day 1 ha tagliato il traguardo a soli 2’01’’94 dal primo classificato, il britannico Jack Edmondson; nel day 2 ha chiuso il weekend a 1’54’’27 dal primo posto in classifica di giornata, conquistato dal francese Jean-Baptiste Nicolot.

“L’apertura di questo Mondiale è stata molto impegnativa dal punto di vista dei percorsi”, spiega il Commissario Tecnico FMI, Cristian Rossi. “L’estrema si è svolta su un terreno con poca aderenza mentre il fondo del fettucciato era duro e polveroso; nella prova in linea, poi, si poteva seguire una sola traccia e alcuni tratti dei trasferimenti erano impegnativi. Nel secondo giorno i ragazzi del Team Italia Enduro sono riusciti a migliorarsi rispetto al primo, quindi c’è stata una crescita che ci lascia ben sperare in vista delle prossime gare. Un applauso va a tutti gli altri azzurri che sono andati a podio e, per quanto riguarda la EJ, a Giacomo Redondi”.

Il prossimo appuntamento del Mondiale Enduro sarà a Gouveia, in Portogallo, il 16 e 17 aprile.