11 dicembre 2016

Omicidio Marco Biagi: quattordici anni dopo

milestone - Dieci anni dall'omicidio di Marco Biagi - Dieci anni dall'omicidio di Marco Biagi. Fotoritratto del professor Biagi (archivio Milestone)

Oggi ricorre l’anniversario della morte di Marco Biagi, assassinato il 19 marzo 2002 dalle Nuove Brigate Rosse mentre rientrava a casa dall’Università degli studi di Modena, dove lavorava, dal 1991, come direttore del Centro studi internazionali e comparati del Dipartimento di economia aziendale.  Biagi era sovraesposto da quando nell’ ottobre del 2001, firmò, con il sottosegretario Maurizio Sacconi e un pool di esperti, il ”Libro bianco sul mercato del lavoro in Italia” per conto del ministro del Welfare Roberto Maroni.

Il giuslavorista stava per aprire il portone con la chiave quando un uomo col casco e la pistola si avvicinò sparando. Il primo proiettile di una semiautomatica ferì Biagi all’anca destra. Poi altri cinque colpi in serie, uno solo dei quali non andò a segno, che lo uccisero. L’ ultimo è, da distanza ravvicinata, il colpo di grazia, come ad evidenziare che il riformista fu ”giustiziato”. Biagi morì in pochi istanti.

A terra, nei muri, restarono tre bossoli e sei ogive calibro 9 X 17, prodotti dalla casa ceca Seller & Bellot. Fu la firma del delitto.

A sparare era stato lo stesso gruppo, la stessa pistola che, il 20 maggio 1999, assassinò in via Salaria a Roma il professor Massimo D’ Antona. A dirlo la perizia balistica del Ris dei carabinieri

Nel documento di rivendicazione che, a firma Nuove Brigate Rosse, venne inviato via mail  la stessa notte del 19 marzo a 500 indirizzi di posta elettronica di diverse agenzie e quotidiani, presentò per gli esperti molte analogie con quella del precedente delitto di Massimo D’Antona e, al suo interno, venne individuata una certa logica criminale dell’Organizzazione che progettava di colpire uomini dello stato legati ad un contesto di ristrutturazione del mercato del lavoro:

Il giorno 19 marzo 2002 a Bologna, un nucleo armato della nostra Organizzazione, ha giustiziato Marco Biagi consulente del ministro del lavoro Maroni, ideatore e promotore delle linee e delle formulazioni legislative di un progetto di rimodellazione della regolazione dello sfruttamento del lavoro salariato, e di ridefinizione tanto delle relazioni neocorporative tra Esecutivo, Confindustria e Sindacato confederale, quanto della funzione della negoziazione neocorporativa in rapporto al nuovo modello di democrazia rappresentativa. Una democrazia “governante” che già accentrante nell’ultimo decennio i poteri nell’Esecutivo e nella maggioranza di governo ora con la riforma dell’articolo V della Costituzione (detta “federale”) vedrà ripartite competenze e funzioni agli organi politici locali entro i vincoli di indirizzo e di bilancio centralizzati e legati all’integrazione monetaria europea, con il fine di stabilizzare l’avviata alternanza tra coalizioni politiche incentrate sugli interessi della borghesia imperialista, sfruttando il restringimento della base produttiva nazionale non solo come vantaggio competitivo nei livelli di sfruttamento della forza-lavoro rispetto ai sistemi economici di altri paesi, ma come condizione per riadeguare il dominio della borghesia imperialista e rafforzarlo nei confronti delle istanze proletarie e delle tendenze al loro sviluppo in autonomia politica antistatuale e antistituzionale che nascono da queste condizioni strutturali. Con questa azione combattente le Brigate Rosse attaccano la progettualità politica della frazione dominante della borghesia imperialista nostrana per la quale l’accentramento dei poteri nell’Esecutivo, il neocorporativismo, l’alternanza tra coalizioni di governo incentrate sugli interessi della borghesia imperialista e il “federalismo” costituiscono le condizioni per governare la crisi e il conflitto di classe in questa fase storica segnata dalla stagnazione economica e dalla guerra imperialista.”