11 dicembre 2016

Viñales, bella sorpresa nel day 2 di Phillip Island

Un secondo giorno di test a Phillip Island contraddistinto dal meteo favorevole e dall’asfalto asciutto per larga parte delle prove. Le buone condizioni atmosferiche hanno finalmente permesso un lavoro completo alle scuderie e ai piloti del MotoGP™. Maverick Viñales, Suzuki Ecstar, è il migliore della giornata, velocissimo sulla sua GSX RR non ancora completamente in formato 2016.

Un giovedì partito in sordina con la pista ancora umida e con pochi piloti in pista durante la mattinata, il timore di tutti erano forse i cambi repentini di condizioni climatiche che hanno caratterizzato il primo giorno di test. In questa fase iniziale solo i due corridori del Ducati Team, Andrea Dovizioso e Andrea Iannone, hanno percorso dei giri di pista a fianco di Jorge Lorenzo e del tester Suzuki Takuya Tsuda. Lorenzo ha provato le gomme da bagnato mentre Iannone, mano a mano che la pista andava asciugandosi, ha testato le nuove Michelin intermedie.

Fortunatamente l’asfalo è diventato presto da gomma slick. Michelin per l’occasione aveva prodotto un posteriore a doppia mescola. Le condizioni sono nettamente migliorate e altri piloti hanno preso parte alle prove: Valentino Rossi, Maverick Viñales e Marc Marquez hanno iniziato il loro lavoro facendo registrare buoni tempi.

Una breve interruzione per una leggera pioggerella ha spezzato il buon ritmo raggiunto ma tutti team sono tornati al lavoro appena il cielo si è riaperto. Maverick Viñales di Suzuki Ecstar ha continuato a migliorare i suoi tempi, passaggio dopo passaggio abbattendo la barriera dell’1:30s.

Tutti i piloti sono entrati in pista nel pomeriggio e nello stesso tempo Maverick Viñales ha messo a referto il miglior giro della giornata fermando il cronometro a 1:29.131s nel suo il sessantatreesimo giro. Una bella prova quella del pilota di catalano, inaspettata in una giornata dominata dalle solite Movistar Yamaha e arrivata su un circuito dove la bravura personale conta parecchio.

Dietro Viñales Marc Marquez con il tempo di 1:28.854s su una Honda che sembra aver trovato il passo giusto e aver risolto i problemi di matrimonio tra motore, elettronica e telaio. In casa Repsol HRC hanno provato ancora il nuovo motore ‘evo’.

Terzo, alle spalle del neo 23enne di Cervera, Jorge Lorenzo; il campione del mondo in carica domina le prove ma alla fine il suo miglior tempo è di 0.226s più alto rispetto al più veloce del giorno. Un lavoro comunque positivo per il maiorchino su una moto che sembra già pronta per affrontare la sfida mondiale. Prova di questo è il quarto miglior tempo in classifica del suo compagno di box e rivale Valentino Rossi. Il Dottore chiude il day 2 con un 1:29.404s staccato di circa 0.3s dalla vetta ma vicino ai passaggi più veloci anche nel secondo giorno. Entrambi i piloti potrebbero essere pronti per una simulazione di gara completa e per testare la nuova elettronica sulla distanza di una competizione. Uno dei maggiori cambiamenti della nuova centralina unica Magneti Marelli 2016 è la rimozione della possibilità di adottare settaggi che adattano automaticamente il prototipo alla gestione dell’intero arco di gara. Tutte le moto adesso ne sono prive lasciando al pilota questo compito difficile. Movistar Yamaha ha un passo già forte non solo dimostrato dal miglior Lorenzo in questa pre-season ma anche da un Valentino Rossi che, nel secondo giorno di prove australiane, ha percorso ben undici giri sull’ 1.29s, cinque di fila a fine test.

Cal Crutchlow e la sua Honda LCR sono quinti. Il team ufficiale Repsol sta provando il motore evoluzione che dovrebbe essere usato questa stagione mentre le scuderie satellite lavorano con la versione dello scorso anno.

Sesto tempo per Hector Barbera che in sella alla GP14.2 ha fatto registrare un miglior passaggio di 1:29.857s. Il pilota Avintia Racing ha una sola moto a Phillip Island e nel primo giorno di pioggia ha scelto di non lasciare i box. Il migliore del team ufficiale Ducati invece è Andrea Iannone a 0.003s dal francese. Nel box della scuderia italiana anche il tester Casey Stoner che ha seguito da vicino il lavoro dei due corridori impegnati a Phillip Island.

Ad un’ora e mezza dalla fine delle prove un altro imprevisto ha fermato i test, la caduta senza conseguenze di Dani Pedrosa alla curva quattro ha sospeso i passaggi. Il dritto è avvenuto subito dopo che lo spagnolo di Repsol Honda ha fatto registrare il suo miglior tempo di 1:29.917s, 0.786s dietro a Viñales.

Scott Redding e Bradley Smith, nono e decimo, sono i primi a salire sopra l’1’30s ma restano comunque nei migliori dieci tempi mentre, appena fuori da questi, si posiziona Loris Baz al debutto con un nuovo assetto e le nuove pedane sulla sua Ducati Avintia Racing.

Dopo aver completato 88 giri Andrea Dovizioso è stato il pilota con più passaggi a referto e ha segnato il dodicesimo miglior tempo; dietro di lui Pol Espargaro.

Il leader del mercoledì, Danilo Petrucci, è sceso in quattordicesima posizione ma in condizioni miglior ha migliorato il suo tempo di oltre un secondo e mezzo. A seguire con ben 1.254s dal velocissimo compagno di scuderia e leader delle prove Aleix Espargaro che senza dubbio nell’ultima giornata di test dovrà migliorare.

Una seconda bandiera rossa è stata esposta dopo la caduta di Yonny Hernandez alla curva 4 causando l’ennesima sospensione delle attività in pista. Il colombiano è rientrato ai box illeso ma con il poco tempo rimasto prima della fine della giornata non ha più ripreso la via della pista. Jack Miller, diciassettesimo con il tempo di 1:30.385s e alle prese con il recupero dopo l’infortunio, ha anticipato l’1:30.509s di Laverty.

Diciannovesimo Tito Rabat che ha completato ben 81 giri per terminare a 1.519s dietro all’ex rivale in Moto2™ oggi primo dei test; staccato a quasi due secondi chiude la classifica il collaudatore Suzuki Tsuda.

Tutti i tempi e i risultati della seconda giornata di prove in Australia sono consultabili qui.

Venerdì 18 febbraio sarà l’ultimo atto dell #AusTest, le prove prenderanno il via alle 09:45 locali.

Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.