7 dicembre 2016

Corinne Federighi e la Peugeot 208 R2, ottime indicazioni al Rally di Pomarance

La ventunenne pilota massese, al centro del debutto al volante della Peugeot 208 R2B, archivia l’impegno rallistico dello scorso weekend confermando le ottime impressioni destate alla vigilia. Una risultato ridimensionato da problemi di elettronica manifestati fin dalla seconda “piesse”.

Una problematica di natura elettronica alla vettura che ne ha condizionato la prestazione ma che, tuttavia, non ha negato indicazioni positive. Corinne Federighi, ventunenne campionessa della Coppa Aci femminile, ha archiviato il debutto sul sedile della Peugeot 208 R2B al Rally di Pomarance dello scorso fine settimana con un risultato non certo in linea con le aspettative ma giustificato da variabili alle quali non è stato possibile porre rimedio.

IMG_6188Affiancato alle note da Daniele Michi, copilota ufficiale Peugeot vincitore del Campionato Italiano Junior, Corinne Federighi ha confermato – nel corso della prima prova speciale – le ottime impressioni destate nel corso dei test pregara, al volante di una vettura mai utilizzata prima d’allora ma che, in molti frangenti, si è rivelata particolarmente congeniale alle caratteristiche della giovane massese.

Sensazioni che potrebbero trovare riscontro in un prosieguo di gare test, in vista di un impegno stagionale 2016 ancora da decifrare ma sicuramente improntato nella partecipazione in un contesto di assoluto livello, dopo la vittoria della Coppa Aci equipaggi femminili e la terza piazza nel Campionato Italiano Junior.

Purtroppo, i problemi riscontrati sulla vettura fin dalla seconda prova speciale non mi hanno permesso di esprimermi al meglio – il commento della giovane apuana – sono comunque convinta che ci sarà occasione per valutare al meglio le potenzialità della Peugeot 208, in ulteriori occasioni”.

About Emanuele Bompadre 8266 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.