8 dicembre 2016

MotoGP – Sepang, il verdetto della Direzione Gara sul contatto

Mike Webb spiega la decisione della Direzione Gara dopo il contatto tra Rossi e Marquez al GP della Malesia.

Dopo il contatto avvenuto in pista al Gran Premio Shell della Malesia tra Valentino Rossi e Marc Marquez e conclusosi con il ritiro di quest’ultimo, Mike Webb spiega la decisione della Direzione Gara:

Qual è stata la decisione della Direzione Gara sulla vicenda?

“La Direzione Gara ha imposto tre punti penalità a Valentino Rossi per la guida irresponsabile che ha deliberatamente provocato contatto. È andato deliberatamente largo in curva, cercando di portare l’altro pilota fuori traiettoria. Il risultato è stato l’incidente che abbiamo visto: si tratta quindi di guida e per questo abbiamo imposto a Rossi tre punti penalità.

Sembrava di star assistendo a una bella gara, purtroppo però l’epilogo ne è stata questa controversia. Devo dire che il team Movistar Yamaha ha presentato ricorso contro la decisione della Direzione Gara, quindi ora la palla passa ai commissari della FIM”.

Quali sono stati i punti di vista che i piloti hanno espresso?

“Posso fornirvi una visione generale piuttosto riportare le parole esatte, dato che si trattava di un’udienza a porte chiuse. Marc ha spiegato che stava facendo la sua gara in attesa che gli pneumatici in attesa che i suoi pneumatici gli permettessero di spingere appena possibile.

Valentino è stato del parere che Marc lo abbia deliberatamente rallentato per abbassare il ritmo della gara. Abbiamo ascoltato entrambi i piloti; siamo del parere che c’è stata colpa da entrambe le parti, ma secondo le regole Marquez non ha cercato alcun contatto, quindi non ha infranto alcuna regola, ma riteniamo che il suo comportamento stava infastidendo Rossi che pertanto ha reagito. Purtroppo ha reagito in un modo che va contro le regole.”

Movistar Yamaha ha presentato appello, quali saranno le tempistiche?

“Se Yamaha non accetta questa decisione dei commissari, ha cinque giorni di tempo per presentare un ricorso alla Corte Disciplinare della FIM. Quindi hanno cinque giorni, dopo di che i legali FIM convocheranno un’ulteriore udienza”.

Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.