4 dicembre 2016

Viterbo – Sequestrate dalla Finanza 160 piante di marijuana

I finanzieri del Comando Provinciale di Viterbo durante un accesso ai fini fiscali, volto a verificare il corretto assolvimento degli obblighi tributari, hanno rinvenuto una vera e propria coltivazione di canapa indiana all’interno del giardino di un imprenditore viterbese di 50 anni. Le piante di “cannabis indica” rinvenute, dell’altezza di circa 2 metri l’una, erano state occultate tra la coltivazione stagionale presente all’interno del giardino attiguo all’abitazione e crescevano rigogliose, protette da occhi indiscreti ed aiutate anche dalle alte temperature e dal sole estivo. La coltivazione composta da nr.18 piante in pieno stato di maturazione, ha subito incuriosito i militari della Compagnia di Viterbo, che hanno intensificato ed esteso le ricerche in tutti i locali riconducibile al proprietario dell’abitazione. La ricerca si concludeva con il rinvenimento, all’interno di un’intercapedine adibita a magazzino sita nel retro dell’appartamento, di nr.140 arbusti di marijuana al buio completo, in avanzato stato di essiccazione. Al termine dell’operazione le fiamme gialle viterbesi hanno posto sotto sequestro complessivamente nr. 160 piante in completa maturazione o già essiccati e pronti per la commercializzazione. Il responsabile è stato posto agli arresti domiciliari a disposizione dell’AG inquirente, in violazione degli artt. 73 comma 1 del D.P.R. 309/90 e 697 C.P.. Il bilancio dell’operazione condotta dai militari in completa sinergia con la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Viterbo testimonia il costante impegno profuso al contrasto dei reati commessi nel settore degli stupefacenti e la viva attenzione posta dal Corpo, nell’espletamento delle quotidiane attività operative volte alla prevenzione e la repressione di ogni forma di illegalità.

About Emanuele Bompadre 8223 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.