9 dicembre 2016

Marcello Carucci, viaggiando verso sud – Seconda parte

Il giorno dopo alle 11 della mattina sono a Laayoune, oltre al pieno del serbatoio della moto, faccio il pieno anche alla tanica di benzina da 20 litri. Entrando nella stazione di servizio per poco finisco a terra a causa della presenza di sabbia. Dopo 15 minuti di sosta riparto e alle 14 ho un controllo da parte della polizia. Nell’occasione faccio pausa per mangiare, successivamente nell’accendere la moto la mia Honda non da segnali, subito preoccupato avviso il poliziotto visto che sono in pieno deserto. L’uomo mi fa notare che la causa potrebbe essere la sabbia che si trova nella leva frizione e dopo alcuni tentativi, per fortuna  il motore si accende e parto. Alle 19 sono a Dakhla. Lungo il percorso nelle strade trovo molta sabbia sollevata dal vento, la fortuna è che ci sono le ruspe che liberano la via. Sistematomi in una camera di un campeggio, esco per visitare la città.

Il 7 luglio mi sveglio alle 5 e 30, vorrei alzarmi ma vedo dalla finestra che c’è molto vento e sono anche stanco, decido di rimanere a letto e di alzarmi alle 7 e 30. Mi preparo un piatto di riso con funghi ed un caffè, dopodiché parto. Ho 30 litri in più di carburante, la temperatura è di 20 gradi. Alle 9 lascio il campeggio salutando gli addetti alla reception. Sono le 12 e 30, una sosta per pranzare, guidare è impegnativo a causa del forte vento e della sabbia che viene spinta sulla strada e ti entra da tutte le parti. La temperatura ora è di 23 gradi alle 15 e 30 devo fermarmi per levarmi la giacca, la temperatura esterna segna 32 gradi. Entro in Mauritania, i controlli sono esasperati come nel 2005, purtroppo non è cambiato niente. Sono stanco per il viaggio e anche nervoso e, neanche a farlo apposta, mi trovo subito gente addosso intenzionata a togliermi soldi. Riesco ad allontanarne alcuni. Qui stipulo un’assicurazione per la moto valida per tutti i paesi occidentali dell’Africa al costo di 30 euro. Faccio un cambio moneta, ma in realtà non so neanche se è giusto. Continuo a viaggiare per altre due ore e poi una sosta per bere, ma non riesco a causa del forte vento è incredibile. Cerco di rimettere in moto la moto ma niente, ancora il problema dovuto alla sabbia infiltrata nella leva frizione. Fermo una macchina con tre persone dentro, chiedo aiuto per farmi spingere, mi chiedono soldi, non accetto e li mando a quel paese piuttosto irritato. Non accetto tali soprusi, rimango li da solo. Non mi demoralizzo e non mi lascio sopraffare  dal panico, prego il Signore e la Madonna, sollecito più volte la leva della frizione ostruita da finissima sabbia e, fortunatamente, la moto parte. Dopo un’oretta mi fermo ad un benzinaio, non hanno benzina, ma hanno camere per dormire, ne prendo una dove passo la notte, pago dieci euro. Prima di riposarmi scarico completamente tutti i bagagli e con una spazzola do una pulita a tutti i contatti elettrici della moto. Poi rifornisco di benzina il serbatoio dalle taniche che avevo.

Copro il blocco di accensione con un tappo fermandolo con del nastro adesivo, sistemo uno straccio sul blocco di accensione e ancora un telo che copra tutta la strumentazione, per assicurarmi che la sabbia non possa inserirsi nell’impianto elettrico. Presi tali accorgimenti per la moto, mi do una lavata con delle salviettine umidificate ed il loro colore diventa rosso a causa della tanta sabbia che ho addosso. Successivamente mi trattengo con i locali: faccio foto a loro e ai loro abiti caratteristici, fotografo il deserto ed il tramonto. Arriva l’ora di cena: risotto ai funghi liofilizzato e poi a dormire. La mattina seguente riparto e percorro ancora il Sahara, nullo, siamo nel periodo del Ramadan, neanche i camionisti viaggiano. Penso spesso ad un imprevisto, sono solo, faccio molta attenzione alla guida. Qui se cadi e ti fai male sei spacciato. Il giorno dopo alle 11 e 30 visito un villaggio regalando dei giocattoli a bambini che mi assalgono come sciacalli. Arrivato a Nouakchott entro in un negozio che ha anche il forno, chiedo se posso fare delle foto. Mi viene negato, solo quando chiedo notizie circa la sicurezza in Mali e loro mi rispondono che ci sono terroristi, io con disinvoltura dico “non problem mon amis” solo dopo, sorridendo, mi concedono di fare foto e riprese. Compro pane caldo, li ringrazio e li saluto con grandi strette di mano. Alle 17 mi trovo nella temibile dogana della Mauritania Rosso, qui stipulo un’assicurazione per la moto valida per i paesi africani occidentali al costo di 30 euro, poi acquisto il ticket per il traghetto, altri 30 euro. Il prossimo che partirà è alle 21, per cui devo sostare molte ore nel parcheggio doganale. Qui vedo le cose più assurde: una mezza rissa tra alcuni civili della Mauritania e poliziotti, sempre e solo per questione di tangenti. Osservo che non hanno cura delle loro divise, uno addirittura si pulisce il naso con le mani e poi le strofina sui pantaloni. Altri sono a piedi scalzi. Mangiano a terra con le mani. In questa sosta riconosco dopo 10 anni uno dei tanti che chiede di esserti di aiuto per levarti soldi. Mi ricordo di lui e cosi anche il soggetto. Per salutarlo gli do una piccola “lezione” di karate, lui rimane calmo e buono al suo posto, limitandosi a salutarmi e andarsene accusando il colpo.

Nonostante ciò altri si fanno avanti, uno addirittura prende il traghetto con me superando il fiume e arriva in Senegal davanti ai poliziotti dicendomi ciò che devo fare. Molto irritato per la sua insistenza urlo come un matto facendogli capire di non infastidirmi, lo invito con gesti a lasciarmi stare e poco dopo si allontana. Risolvo tutte le pratiche burocratiche, continuare a viaggiare di notte non è il caso. Mi trattengo con poliziotti e locali. Ad alcuni offro da bere al bar perché mi garantiscano protezione. Passo la notte sulle scale del distretto di polizia, dormendo vicino alla moto. Sono protetto anche dai cancelli della Frontiera che sono chiusi con una grande catena. Si apriranno solo l’indomani alle 7. Alla loro apertura parto, faccio una sosta più avanti per far ricontrollare il carnet de passage.

[flickr_set id=”72157653294106392″]