9 dicembre 2016

Al Mugello, la gara di casa per il Ducati Team

Il Ducati Team arriva all’Autodromo Internazionale del Mugello, lo spettacolare circuito nel cuore delle colline toscane, per il Gran Premio d’Italia TIM, sesto appuntamento del Campionato Mondiale MotoGP 2015, e da sempre una delle gare di maggior richiamo e prestigio del calendario.

Per i due piloti del Ducati Team sarà un appuntamento particolare, visto che si tratta della gara di casa per la “rossa di Borgo Panigale” e che, come sempre, è prevista la presenza di tantissimi tifosi sulla Tribuna Ducati al Correntaio.
Pochi giorni prima della gara di Le Mans i piloti del Ducati Team hanno preso parte a due giorni di test sul circuito toscano, facendo segnare degli ottimi tempi. Purtroppo però alla fine della seconda giornata Iannone è caduto alla curva Arrabbiata 2 infortunandosi alla spalla sinistra. Dovizioso in Francia ha poi ottenuto un altro podio, il suo quarto nelle prime cinque gare di questa stagione, mentre Iannone ha disputato un’ottima gara terminando il GP in quinta posizione dopo un’appassionante battaglia con Marquez. Nei giorni scorsi il pilota di Vasto è stato sottoposto ad una risonanza magnetica che ha purtroppo evidenziato una microfrattura alla testa dell’omero e di conseguenza Iannone affronterà  la gara del Mugello con un’incognita riguardo alle sue condizioni fisiche.
Al Mugello sarà presente anche Michele Pirro, pilota collaudatore del Ducati Test Team, iscritto come wild-card per la prima volta in questa stagione, con una terza Desmosedici GP15.
Il programma del Gran Premio d’Italia TIM inizierà venerdì mattina con la prima sessione di prove libere alle 09.55, mentre la gara, di 23 giri, è prevista per domenica alle ore 14.00.
Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 3° (83 punti)
“Credo che al Mugello potremo essere competitivi perché recentemente abbiamo fatto dei test su questa pista e siamo stati veloci. In più c’è tanta motivazione nella squadra: siamo al Mugello ed è la gara di casa per Ducati, e quindi abbiamo tutti uno stimolo in più per far bene. Nell’ultima gara ci è però mancato ancora qualcosa e quindi dovremo continuare a lavorare con impegno durante il weekend.”
Andrea Iannone (Ducati Team #29) – 5° (61 punti)
“Sicuramente domenica correrò al Mugello ma difficilmente sarò al 100% delle condizioni fisiche. Da un paio di giorni avevo smesso di prendere gli antidolorifici e ieri sono stato sottoposto ad una risonanza magnetica. Purtroppo mi hanno trovato una microfrattura alla testa dell’omero, e sinceramente è stata una brutta sorpresa. L’edema mi provoca ancora molto dolore e sto continuando a fare terapia laser per cercare di farlo assorbire prima possibile. Comunque stringerò i denti come ho fatto a Le Mans, perché è troppo importante per me e per Ducati fare una bella gara davanti al pubblico del Mugello.”
Michele Pirro (Ducati Test Team #51)
“Sono molto contento di fare la prima wild card di quest’anno al Mugello, ed è anche una grande emozione per me correre per la prima volta con la GP15. In cinque gare la nuova Desmosedici ha già fatto cinque podi, dimostrando di essere molto competitiva e quindi è una bella responsabilità per me, ma con il Ducati Test Team abbiamo sempre lavorato bene sullo sviluppo della moto e quindi sono fiducioso di poter fare un buon risultato.”
Il Circuito del Mugello
Ubicato in un’ampia vallata nella splendida campagna toscana, circa 30 km a nordest di Firenze, quello del Mugello è un circuito moderno, dotato di infrastrutture di grande prestigio. Di proprietà della Ferrari dal 1988 è lungo 5.245m ed è stato completamente rinnovato per rispondere alle esigenze delle competizioni moderne. Famoso per le difficoltà che presenta il suo tracciato, per la sua sicurezza e per la bellezza delle zone circostanti, il Mugello è un circuito amato da tutti e, allo stesso tempo, uno dei più impegnativi per piloti e tecnici. La sua pista combina curve lente e veloci, salite e discese, di quelle che piacciono sia ai piloti che agli spettatori. Il circuito ospitò il suo primo Gran Premio nel 1976 e, dopo la completa ristrutturazione, dal 1991 è uno degli appuntamenti fissi nel calendario del mondiale.
Giro più veloce in gara: Marquez (Honda – 2013), 1’47”639 (175.4 km/h)
Qualifiche: Pedrosa (Honda – 2013), 1’47”157 (176.2 km/h)
Velocità massima: Iannone (Ducati – 2014), 349.6 km/h
Lunghezza tracciato: 5.2 km
Lunghezza gara: 23 giri (120.6 km)
Inizio gara: 14.00 (ora italiana)
Così nel 2014
Podio: 1° Marquez (Honda), 2° Lorenzo (Yamaha), 3° Rossi (Yamaha)
Pole: Marquez (Honda) 1’47”270 (176.0 km/h)
Giro più veloce: Marquez (Honda), 1’47”8 (175.0 km/h)
Andrea Dovizioso
Moto: Ducati Desmosedici GP15
Numero di gara: 04
Età: 29 (nato il 23 marzo 1986 a Forlimpopoli, Italia)
Residenza: Forlì (Italia)
Gare: 227 (129 x MotoGP, 49 x 250cc, 49 x 125cc)
Primo GP: 2001 Gran Premio d’Italia (125cc)
Vittorie: 10 (1 x MotoGP, 4 x 250cc, 5 x 125cc)
Prima vittoria: 2004 Gran Premio di Sudafrica (125cc)
Pole: 16 (3 x MotoGP, 4 x 250cc, 9 x 125cc)
Prima Pole: 2003 Gran Premio di Francia (125cc)
Titoli Mondiali: 1 (1 x 125cc)
Andrea Iannone
Moto: Ducati Desmosedici GP15
Numero di gara: 29
Età: 25 (nato il 9 agosto 1989 a Vasto, Italia)
Residenza: Vasto (Italia)
Gare: 165 (38 x MotoGP, 51 x Moto2, 76 x 125cc)
Primo GP: 2005 Gran Premio di Spagna (125cc)
Vittorie: 12 (8 x Moto2, 4 x 125cc)
Prima vittoria: 2008 GP di Cina (125cc)
Pole: 8 (5 x Moto2, 3 x 125cc)
Prima Pole: 2008 GP di Malesia (125cc)
Michele Pirro
Moto: Ducati Desmosedici GP15
Numero di gara: 51
Età: 29 (nato il 5 luglio 1986 a San Giovanni Rotondo, Italia)
Residenza: Cesena (Italia)
Gare: 81 (34 x MotoGP, 18 x Moto2, 29 x 125cc)
Primo GP: 2003 Gran Premio d’Italia (125cc)
Vittorie: 1 (1 x Moto2)
Prima vittoria: 2011 GP di Valencia (Moto2)
Pole: 1 (1 x Moto2)
Prima Pole: 2011 GP di Valencia (Moto2)
Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.