7 dicembre 2016

Marcello Carucci, viaggiando verso sud – Prima parte

Il 1 Luglio alle ore 18 vengono presso la mia abitazione Riccardo, Massimo e Gianni, tre autentici Bikers che hanno deciso di accompagnarmi a Civitavecchia, dove mi imbarcherò per arrivare a Barcellona. Mentre mi attendono, preparo le ultime cose da portare nel viaggio. Saluto mia madre e con gli amici partiamo immediatamente prendendo l’autostrada per Civitavecchia. Gianni, arrivato all’uscita del casello, ci saluta, mentre Riccardo e Massimo mi fanno compagnia fino al porto. Qui è d’obbligo un caffè, e ci tratteniamo ancora qualche minuto per fare due chiacchiere poi le ultime raccomandazioni prima del loro rientro a Roma. Dopo un po’ mi sento chiamare. Un’altra sorpresa, l’amico Andrea, campione d’Europa di moto rally, anche lui presente per salutarmi. Rimane con me fino al momento dell’imbarco ed anche lui prodigo nelle raccomandazioni.
Finalmente alle 21,30 sono sulla nave. Vado subito a prendere posto sulla mia poltrona e ne approfitto per cenare. Alle 23,20 sistemo una coperta per terra che utilizzo come letto e i miei stivali come cuscini. Mi sveglio il giorno seguente alle 11,30 faccio colazione e salgo sulla parte più alta della nave per osservare il mare: è calmo e ,all’infuori di noi ,non si vedono altre imbarcazioni.

È una giornata calda, il mare è calmo. Molti ne approfittano per fare il bagno in piscina e prendere il sole. Gli altoparlanti comunicano che arriveremo al porto di Barcellona in ritardo (penso tra me e me che se arriverò tardi non cercherò neanche l’albergo, continuerò a viaggiare finché ce la farò). Alle 12,30 mi rimetto in poltrona ascoltando musica ed immagino le strade che percorrerò di nuovo dopo dieci anni. Più tardi vado in terrazza per prendere un po’ di sole, ma mi sento ansioso e preoccupato. Penso ad una serie di cose, tra cui alle difficoltà che dovrò affrontare, agli affetti che ho lasciat, ritorno nella sala poltrone e mi sistemo sulla mia, ascoltando nuovamente musica, ma non riesco a rilassarmi. Finalmente, con il passare del tempo riesco a ritrovare in me una grande motivazione: sicuramente i brani musicali che ho scelto mi hanno caricato emotivamente. Sono le 15, ho ancora cinque ore di navigazione, per me un vero incubo. Ne approfitto per un nuovo spuntino, panino, uova sode e caffè. Cammino molto per la nave alternando il bar con la terrazza. Alle 18 ritorno in poltrona e pianifico il mio itinerario: la nave arriverà al porto alle 20 con due ore di ritardo. Finalmente riesco a sbarcare mettendomi subito in viaggio, ma dopo trenta minuti faccio una tappa per mangiare velocemente del tonno in scatola. Viaggio fino alle 22 e 30 un orario in cui è fondamentale una giacca, sono a 300 km da Valencia. Ancora un’altra pausa alle 0,45 in un autogrill. Mangio del salmone in scatola e subito riparto. Mi sento bene, lucido e molto motivato. La temperatura esterna è a mio favore 24 gradi, condizione ideale per viaggiare in moto. L’Autostrada è scorrevole ed è attraversata solo da alcuni tir e pochissime macchine.
Alle 2 di notte faccio ancora una sosta in un distributore di benzina, mi trovo a Benidorm, una città bellissima, nota come la New York del Mediterraneo. Città che durante i miei viaggi ho visitato e dove ho soggiornato due volte. Mi sdraio al suolo per dormire, ma alle 3,30 vengo svegliato da un gruppo di marocchini che parlano con la polizia spagnola,  sicuramente hanno subito un furto. Osservo che hanno un finestrino della macchina rotto i militari stanno facendo controlli. Mi cucino del riso, alle 4 riparto, alle 12 sono a Torremolinos, la Rimini della Spagna, anch’essa da me visitata oltre 25 anni fa .
La temperatura è di 28 gradi. Continuo fino al porto di Algesiras arrivando alle 15,30;alle  16,40 mi imbarco per il Marocco, dove arrivo in 45 minuti. Sulla nave vengono fatti controlli doganali in modo semplice e veloce. Una volta sbarcato viaggio fino alle 19, orario nel quale trovo il mio alloggio in albergo. Il giorno successivo percorro la strada fino alle 20, facendo sosta ad un distributore di benzina nella località di Guelmim . Dopo aver fatto rifornimento alla moto, chiedo al gestore se posso parcheggiare e dormire nelle vicinanze. La risposta è affermativa. Finalmente a disposizione ho tavolini e sedie. Mi organizzo per la cena e nel frattempo scrivo le mie considerazioni sul viaggio sulla mia pagina facebook. Passo la notte dormendo, in un primo momento fuori, su una sedia, poi siccome fa freddo, mi autorizzano ad entrare in una piccola moschea calda e accogliente, dove dormo magnificamente fino alle 7 del giorno successivo, orario in cui mi sveglia il gestore. Nel viaggio, osservo ciò che mi circonda, paesaggi spettacolari. Arrivato nella località di Tan Tan cambio i soldi in banca e subito proseguo nel mio tour. Spesso vengo fermato dalla polizia per controlli di sicurezza .
Alle 15,30 sono costretto a fermarmi ad un posto di blocco, una pattuglia mi contesta un’infrazione al codice della strada di 10 km sulla velocità consentita. Mentre discuto e faccio vedere i documenti, molti dei quali volano per il forte vento costringendo me ed uno dei militari a rincorrerli. Se si fossero persi sarebbe stato un serio problema: assicurazione italiana, bollo, documentazione sanitaria ed altro. Mi hanno chiesto 30 euro ma alla fine mi lasciano andare, anche perché il vento fa cadere il cavalletto che sostiene il loro autovelox. Durante il tragitto in moto distribuisco ad alcune persone in alcune soste, magliette, cappellini e penne offertimi da alcuni sponsor. In serata prendo la camera in un albergo ed intorno alle 20 mi metto a letto, sono troppo stanco per girare.

[flickr_set id="72157653294106392"]