Campidoglio, al via avviso pubblico per iscrizione asili nido anno 2018/2019

Campidoglio, al via avviso pubblico per iscrizione asili nido anno 2018/2019



Al via l’avviso pubblico per l’iscrizione agli asili nido nell’anno 2018 – 2019. Sarà possibile presentare le domande, fa sapere il Campidoglio, che tramite il sito di Roma Capitale, fino all’8 maggio. Il bando conferma l’impianto dello scorso anno introducendo, allo stesso tempo, numerosi e importanti elementi di novità.

“Consolidiamo il sistema integrato pubblico – privato su cui stiamo impostando il nostro lavoro. Assicuriamo la libertà di scelta e la continuità didattico-formativa, mettendo bambini e famiglie al centro tramite un’alta qualità dell’offerta. In prospettiva stiamo lavorando per costruire una capillare programmazione territoriale attraverso la geolocalizzazione dei nidi e l’utilizzo delle proiezioni demografiche, in modo che si trovino dove i bambini e le famiglie ne hanno bisogno. L’obiettivo complessivo è un’ulteriore crescita dei livelli qualitativi”, spiega l’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Laura Baldassarre.

Dal Campidoglio il via al bando pubblico

Le famiglie potranno quindi indicare la scelta di 3 nidi a gestione diretta e 3 nidi in gestione
indiretta in convenzione, dando priorità ai nidi pubblici, salvo il caso in cui la struttura
convenzionata sia ubicata ad una distanza pari o inferiore a 300 metri, secondo il percorso
pedonale più breve dall’immobile di residenza del bambino.

Viene introdotta la possibilità per i nuclei familiari in cui sia presente un genitore con
disabilità di presentare istanza prioritariamente per un nido convenzionato, che risulti più idoneo alle esigenze dello stesso nucleo familiare.

La dichiarazione di Maria Teresa Zotta, Presidente della Commissione Capitolina Scuola 

Il bando è interamente modulato sui bisogni dei bambini. E’ infatti previsto che ciascun nido elabori un progetto educativo inclusivo, mirato al benessere e alla crescita individuale e collettiva di tutti i bambini/e, nel rispetto delle potenzialità di ciascuno e nell’ottica di sostenere l’apprendimento, la socialità, l’identità e l’autonomia. Per i bambini con disabilità viene proposto un progetto educativo individualizzato, condiviso con i genitori e mirato al benessere e alla crescita individuale e collettiva.

E’ garantita la continuità per i bambini che già frequentano un nido convenzionato. La
priorità del nido comunale non si applicherà, come l’anno scorso, alle famiglie con
minorenni con disabilità, con un fratellino o una sorellina, con disabilità, con fratello o
sorella, già iscritti per l’anno educativo 2017/2018 ad un asilo nido a gestione indiretta,
garantendo così le “clausole di continuità”.

Le famiglie possono presentare istanze per strutture educative ricadenti anche in altri
municipi, rispetto a quello di residenza, o a quello della sede di lavoro di uno dei due
genitori.

Informazioni su Emanuele Bompadre 11347 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.