Capacchione: "La balneazione adesso è una landa desolata, è tutto fermo"
Primo Piano

Capacchione: “La balneazione adesso è una landa desolata, è tutto fermo”

Capacchione: “Adesso è una landa desolata, è tutto fermo. Noi abbiamo chiesto al governo di poter effettuare queste attività di manutenzioni, in alcune parti del territorio è stato concesso come in Emilia Romagna, non comprendiamo perchè solo lì e da altre parti no. Non è possibile che ci sia uno stato confusionale al centro dei ministeri in questa situazione drammatica. Se saltasse solo giugno ci sarebbero delle perdite, ma io ci metterei la firma, se potessimo tornare ad una situazione di normalità a luglio. La perdita della vacanza al mare, al di là dell’aspetto economico, costituirebbe un danno enorme per la tenuta sociale e morale del nostro Paese. Quest’anno scordiamoci il turismo dall’estero. Per quanto riguarda la domanda interna, il Paese sarà impoverito e impaurito, gli spostamenti da una regione all’altra saranno complicati, quindi sarà veramente una stagione anomala se si dovesse svolgere” [CONTINUA]