Confartigianato apre ai giovani un futuro da imprenditori

Teamwork. Young people discussing about women rights and equality at the office. Caucasian businesswomen or office workers have meeting about problem in workplace, male pressure and harassment.



Un futuro da imprenditori è a portata di mano. Basta avere chi ti guida sulla strada giusta per mettere a frutto il talento e realizzare le ambizioni. E Confartigianato ha deciso di accompagnare i giovani nel mondo dell’artigianato per mostrarne concretamente tutte le opportunità di crescita personale, di sbocco lavorativo, di maturazione di competenze. Lo fa con il ciclo di incontri ‘L’artigianato che ci piace’.

Si tratta di un format per promuovere l’artigianato tra i giovani, stimolandoli a sviluppare sapere pratico e a esplorare percorsi formativi specifici. In questo impegno accanto a Confartigianato, vi sono due ospiti fissi: Vincenzo Schettini, professore di fisica e influencer, Giuseppe Lavenia, psicoterapeuta esperto in benessere digitale e divulgatore scientifico. A condurre i loro interventi, Michela Palmieri, giornalista Rai.

Rimini

Prima tappa il 10 luglio a Rimini, presso la sala Anfiteatro del Palazzo dei Congressi, a partire dalle ore 17.30, dove, oltre a imprenditori e collaboratori del Sistema Confartigianato provenienti da tutta l’Emilia Romagna, sono attesi i giovani e le loro famiglie.

L’iniziativa fa leva sui risultati della ricerca condotta dal Censis per Confartigianato secondo la quale il lavoro artigiano gode di una reputazione molto positiva tra i giovani. Oltre un terzo di coloro che non sono impiegati nel settore artigiano vorrebbe intraprendere questo tipo di lavoro, apprezzandone creatività, autonomia e originalità. L’artigianato moderno, lontano dall’immagine nostalgica della “piccola bottega”, è visto dai giovani come un contesto che integra tradizione e innovazione, manualità e digitale, offre forti potenzialità imprenditoriali, permettendo di esprimere creatività e autonomia, magari portando prodotti unici made in Italy nel mercato globale.

Eventi

Gli eventi del ciclo ‘L’artigianato che ci piace’, che dopo Rimini toccheranno altri territori italiani, saranno l’occasione per esplorare il valore delle competenze manuali nell’era digitale, l’importanza dell’innovazione nel settore artigiano, l’orientamento e la formazione professionale, le opportunità offerte dall’apprendistato per l’inserimento nel mondo del lavoro, il passaggio generazionale in azienda.

Tre gli aspetti in cui si articoleranno gli eventi

Il valore del saper fare: Vincenzo Schettini e Giuseppe Lavenia discuteranno dell’importanza delle competenze manuali nell’era digitale, con esempi personali e professionali che ne evidenziano l’impatto.
Il saper essere e l’innovazione: Si esplorerà come coniugare tradizione e innovazione, evidenziando l’importanza di una mentalità aperta e l’uso delle tecnologie moderne per valorizzare l’artigianato.
Le sfide dell’artigianato e la bellezza dell’appassionarsi: Il pubblico sarà invitato a partecipare attivamente, discutendo le difficoltà e le soluzioni per coinvolgere i giovani e le famiglie nel mondo artigiano, valorizzando anche gli istituti professionali, tecnici ed ITS.
Nel corso degli incontri, i giovani partecipanti saranno incoraggiati a iscriversi a scuole e corsi di formazione specializzati nell’artigianato. Sarà fornita loro una lista di istituti e programmi che offrono percorsi educativi mirati a sviluppare le competenze necessarie per diventare artigiani moderni. Inoltre, saranno presentate opportunità di stage e tirocini presso aziende artigiane, per permettere ai giovani di mettere in pratica ciò che hanno appreso e di entrare in contatto con il mondo del lavoro.

Fonte: confartigianato.it

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Confartigianato apre ai giovani un futuro da imprenditori

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 28524 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.