Ostia Lido, codice rosso, marito violento arrestato dalla Polizia Locale

Ostia Lido



E’ stato tradotto nel carcere di Regina Coeli, dagli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale, l’uomo, di nazionalità turca di 27 anni che maltrattava la moglie, una connazionale che, dopo l’ennesima vessazione ha trovato il coraggio di denunciare le violenze e minacce subite. Le indagini, svolte dal X Gruppo “Mare” della Polizia Locale e coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, hanno portato all’emissione da parte del GIP di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per il soggetto che, insieme alla consorte e alla figlia di pochi mesi, risiedeva a Ostia Lido.

Aggressioni fisiche e verbali

L’uomo, in Italia da circa 1 anno e mezzo, aveva fatto venire a Roma la moglie da un paio di mesi, ma dalla convivenza erano scaturite aggressioni fisiche e verbali, gelosie e violazioni della libertà personale, che hanno portato la donna a chiedere aiuto agli agenti. Le indagini, supportate dall’acquisizione di vari elementi, tra cui messaggi di telefonia e testimonianze, hanno fatto scattare le prime misure di tutela nei confronti della vittima e della figlia, con immediata sistemazione presso una struttura protetta per donne vittime di violenza.

Pochi giorni fa l’esecuzione del provvedimento restrittivo per il ventisettenne, che dovrà rispondere all’Autorità Giudiziaria per i reati commessi.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Ostia Lido, codice rosso, marito violento arrestato dalla Polizia Locale

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 16870 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.