Il Papa: “Preghiera e fraternità per costruire un mondo che sia casa e non un mercato”

papa



Il contrasto tra la casa e il mercato è il cuore della riflessione di Papa Francesco all’Angelus che, contrariamente ai giorni scorsi, legge la catechesi. Davanti a circa 20mila fedeli, partendo dall’episodio evangelico nel quale Gesù caccia i mercanti dal tempio, il Pontefice esorta ad abbracciare un modo nuovo e profondo di considerare il tempio, luogo dell’incontro con Dio e gli altri, e quindi di cambiare la nostra vita e quella delle persone intorno a noi attraverso la preghiera e la fraternità.

L’invito oggi anche per il nostro cammino, il cammino di Quaresima, è a fare in noi e attorno a noi più casa e meno mercato, pregando, prima di tutto nei confronti di Dio. Pregando tanto, come figli che senza stancarsi bussano fiduciosi alla porta del Padre, non come mercanti avari e diffidenti. E poi, primo pregando, diffondendo fraternità. C’è bisogno di tanta fraternità.

Tempio e casa

“Non fate della casa del Padre mio un mercato”: dice Gesù rovesciando i banchi dei cambiavalute e cacciando i venditori dal tempio, “inteso – dice il Papa – come mercato, per essere a posto con Dio bastava comprare un agnello, pagarlo e consumarlo sulle braci dell’altare”. “Comprare, pagare, consumare, e poi ciascuno a casa sua”: è la dinamica che ben descrive il mercato. Nel tempio come casa, afferma,  è il contrario, “si va per incontrare il Signore, per stare uniti a Lui e ai fratelli, per condividere gioie e dolori”. È un cambio di relazione: dalla distanza alla vicinanza, con “i banchi di vendita” che lasciano il posto alla “mensa famigliare”, dove i prezzi diventano abbracci e le monete “carezze”.

Perché così si crea una barriera tra Dio e l’uomo e tra fratello e fratello, mentre Cristo è venuto a portare comunione, misericordia e vicinanza.

Preghiera e fraternità

La strada dunque, rimarca il Papa, è quella della preghiera e poi dei gesti fraterni che spezzano il “silenzio imbarazzante, isolante, talvolta addirittura ostile che si incontra in tanti luoghi”.

Chiediamoci, allora: prima di tutto, com’è la mia preghiera? È un prezzo da pagare o è il momento dell’abbandono fiducioso, dove non guardo all’orologio? E come sono i miei rapporti con gli altri? So dare senza aspettare il contraccambio? So fare il primo passo per rompere i muri del silenzio e i vuoti delle distanze?

Francesco invita ad affidarsi a Maria che è la chiave per “fare casa” con Dio e intorno a noi. Al termine della preghiera mariana l’accorato appello per mettere fine alla violenza delle guerre in Medio Oriente e in Ucraina. “Il disarmo – ha aggiunto – è un dovere morale”.

Fonte: vaticannews.it

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Il Papa: "Preghiera e fraternità per costruire un mondo che sia casa e non un mercato"

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 28219 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.