Il parroco di Gaza: il Papa ci ha chiesto di proteggere i bambini

gaza



Papa Francesco si è detto “molto preoccupato” per quanto sta accadendo a Gaza e spera che ci sia lo spazio per una pausa nei bombardamenti “per aprire dei corridoi umanitari per aprire le migliaia di persone che in questo momento ne hanno bisogno”. A riferirlo a Vatican News è padre Gabriel Romanelli, parroco di Gaza, che oggi ha ricevuto una telefonata dal Papa – la quarta dall’inizio della crisi – per assicurare la sua preghiera e la vicinanza di tutta la Chiesa.

La vicinanza del Papa

“È molto vicino alle persone”, testimonia padre Romanelli, che si trova a Betlemme e non è ancora riuscito a raggiungere la piccola comunità nella Striscia, “e ci ha chiesto di proteggere i bambini. Lui sa che, oltre i bambini della parrocchia, ospitiamo bambini cristiani e bambini musulmani, oltre ai disabili e ai feriti curati dalla suore di Madre Teresa. Sono centinaia di persone sotto la nostra responsabilità. il Papa sa tutto questo e ha ancora manifestato la sua vicinanza” – ha chiamato anche la parrocchia – “la sua benedizione e la sua preghiera e sta facendo il suo meglio per avere una piccola finestra di speranza”.

Centinaia i rifugiati ospitati dalla Chiesa

Sono ormai centinaia le persone ospitate dalla cinque strutture della Chiesa cattolica a Gaza – cinquecento solo quelle rifugiate in parrocchia. Anche le due strutture della Chiesa greco-ortodossa sono gremite di persone.” Hanno passato una notte veramente terrificante perché sapevano che l’ultimatum finiva questa mattina, anche se è stato prolungato”, spiega padre Romanelli. “Si chiedono dove possano andare a sud e che cosa succederà lì. Arrivano notizie di persone che erano colpite mentre andavano verso sud. Alcuni hanno una macchina, altri non hanno niente. Sono terrorizzati e almeno in chiesa si sentono più protetti, ma la situazione è disperata per tutti”.

La scelta di restare

Tutti gli edifici della Chiesa si trovano nell’area della Striscia che Israele ha chiesto di evacuare nel pomeriggio per ripararsi dai bombardamenti. I parrocchiani “sono lì, non abbiamo strutture della Chiesa a sud”, spiega il parroco, “le persone sono attaccate ed unite alla parrocchia, che è il centro umano e spirituale delle loro attività”.

Fonte: vaticannews.it

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Il parroco di Gaza: il Papa ci ha chiesto di proteggere i bambini

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 27832 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.