Lezzi: “L’agenda Draghi ignora tutto questo…”

movimento



Sul Fatto Quotidiano trovate un’intervista a Chiara Saraceno, incaricata ma ignorata dal governo Draghi di migliorare il reddito di cittadinanza che è una misura in cui la professoressa crede.
Ricordo, prima di proseguire, che non faccio parte del gruppo M5S in quanto espulsa per non aver dato la fiducia a Draghi, sicché la mia opinione è libera da qualsiasi intento propagandistico.

Camaleontico

Chiara Saraceno afferma che Conte è camaleontico perché ha governato anche con la Lega e per questo non si fida della sua agenda sociale.
Questo è un ragionamento, a mio avviso, vittima delle gabbie ideologiche che acceca la sostanza dei fatti in quanto il Reddito di cittadinanza e il decreto dignità, insieme alla spazzacorrotti, sono leggi approvate proprio con la Lega.
Quello che conta davvero è il soggetto che propone determinate riforme, quale identità si è data e quanta risolutezza impegna per raggiungere i propri obiettivi.
Le logiche delle alleanze organiche o strutturali e peggio ancora quelle di unità nazionale a guida tecnica, inaridiscono le identità piegando all’altare della conservazione i programmi dei partiti.

Castrazione procedure antimafia

Per questo si è arrivati ad archiviare il decreto dignità, a mortificare il reddito di cittadinanza rifiutando le ottime proposte di modifiche avanzate proprio dalla professoressa Saraceno e a vessare le imprese con il peggioramento del super bonus e con l’invio programmato delle lettere dell’agenzia delle entrate verso piccole e piccolissime attività imprenditoriali. Purtroppo, con il governo Draghi si è fatto anche altro come la riforma Cartabia, la castrazione di procedure antimafia e l’umiliazione delle volontà ecologiste.
L’agenda sociale, perché sia tale, deve prevedere il taglio del cuneo fiscale significativo che deve essere affiancato al salario minimo legale per appesantire le buste paga e alleggerire il carico delle imprese. Deve farsi carico anche di quegli imprenditori, partite Iva, professionisti e artigiani che hanno dichiarato i rispettivi redditi ma non stanno riuscendo a versare il dovuto delle tasse. Non sono evasori ma persone in difficoltà.
L’agenda Draghi ignora tutto questo eppure è oggetto di contesa da parte della destra, della sinistra e del fantomatico centro.

var url319261 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=319261”;
var snippet319261 = httpGetSync(url319261);
document.write(snippet319261);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar photo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 24114 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.