Ucraina, Ires-Cgil: a rischio 100.000 posti di lavoro in Toscana

imprese



La guerra in Ucraina rischia di costare fino a due punti di Pil e 100.000 posti di lavoro in Toscana, portando l’economia regionale a un avvitamento attorno a uno scenario da stagflazione determinato dalla gelata dei consumi e dalla forte limitazione dei flussi turistici provenienti dalla Russia. Lo scenario prefigurato da Ires allarma Cgil Toscana, che si rivolge al Governo per sollecitare una ripartizione equa degli oneri tramite una 14esima di guerra da finanziare con un’imposta patrimoniale sui più ricchi. “Appare molto chiaro ed evidente che siamo di fronte a una gelata dei consumi delle famiglie che erano ripartiti nel 2021, a cui si aggiunge una situazione molto critica per le imprese su due versanti: il blocco delle esportazioni verso i Paesi belligeranti, in particolare verso la Russia, e l’aumento della bolletta energetica che era già iniziato nel 2021 e che ora incide tantissimo perché l’Italia dipende fortemente dal gas russo”, spiega il presidente di Ires Toscana, Gianfranco Francese. “Le sanzioni introdotte- aggiunge- possono produrre un inasprimento ulteriore. Pertanto lo scenario che va a comporsi potrebbe essere il peggiore, cioè un blocco dei consumi con una recessione e al tempo stesso un’inflazione determinata dall’aumento dei costi energetici”. Una prospettiva che rischia di concretizzarsi in particolare se la guerra dovesse durare ancora a lungo.

Non tempi brevi

“Dobbiamo preoccuparci in anticipo- aggiunge la segretaria generale di Cgil Toscana Dalida Angelini- anche perché quello che leggiamo e vediamo non ci dice che la guerra si risolverà in breve tempo. Questa è un’aggravante in Italia e in Toscana, dove le retribuzioni sono calate moltissimo. C’è un problema occupazionale e salariale”. Il colpo della pandemia, peraltro, non può dirsi pienamente recuperato: il tasso di occupazione in Toscana è risalito nel 2021 al 71,1% ovvero ancora 1,6 punti percentuali in meno rispetto al 2019. Ma è soprattutto sul tema dell’erosione delle retribuzioni che la Cgil si attende interventi incisivi dal governo Draghi: “Abbiamo bisogno di aprire una vera e propria questione salariale- dice senza mezzi termini Angelini- a partire dal fatto che oltre ai contributi che vengono dati alle aziende si pensi anche a un contributo straordinario da dare in busta paga ai lavoratori pari come minimo a una mensilità, che è esattamente quanto perdono in questa situazione di pandemia e di guerra. Le risorse si possono trovare con una sorta di patrimoniale in modo che il peso che famiglie e pensionati si troveranno a pagare sia in qualche modo alleggerito”. Il primo basso di una battaglia sindacale che contiene, in realtà, un messaggio istantaneo per Confindustria: “Non possiamo pensare che in questa fase dica che non si possono aumentare i salari. Le retribuzioni vanno aumentate oggi se vogliamo evitare una situazione sociale pesantissima”, avverte Angelini che si sente di chiedere aiuto anche alla Regione. “Sicuramente la Giunta dovrebbe avere un’interlocuzione maggiore con le forze sociali, col sindacato tutto, per darci mano anche in un’iniziativa verso il governo per fare in modo che ci siano risposte”.

Fonte: agenzia dire

var url265236 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=265236”;
var snippet265236 = httpGetSync(url265236);
document.write(snippet265236);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23714 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.