Black lives matter, Andrew Howe: “Secondo me i giocatori non dovrebbero inginocchiarsi”

Black lives matter



Andrew Howe, campione di salto in lungo, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Cosa succede in città” condotta da Emanuela Valente su Radio Cusano Campus.

Sulle polemiche riguardo al supporto dei calciatori al movimento Black lives matter

“Secondo me i giocatori non si dovrebbero inginocchiare, perché Black lives matter è una situazione molto americana –ha affermato Howe-. Ci sono delle situazioni anche qui in Italia, ma quella è un’altra reltà, un altro mondo, lì un poliziotto ha ammazzato un uomo di colore, qui un poliziotto non ha quasi neanche libertà di agire, se fa male a un gatto lo mettono in galera.

Non ho mai subito episodi di razzismo, forse qualcosa quando giocavo a calcio da piccolo, ma era più una questione di ignoranza, gente che mi insultava magari per provocarmi. Sicuramente è pieno di razzisti, ci sono molte persone che discriminano per ignoranza. Se poi ci dobbiamo inginocchiare nei confronti del razzismo nel mondo, per le ingiustizie, allora quello è un altro discorso. Però se dobbiamo inginocchiarci per un movimento specificatamente americano mi sembra una forzatura sotto certi punti di vista. Se mi trovassi in America mi inginocchierei, ma sono italiano. Non è che dobbiamo inginocchiarci solo per essere politicamente corretti”.

Fonte: Radio Cusano Campus


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 14746 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.