Pescara, la ASL pronta ad impegnarsi per le vaccinazioni per gli “invisibili”

vaccino



Voglio aggiornarvi sulla mia richiesta ai vertici della ASL di Pescara di attivarsi per le vaccinazioni rivolte a persone difficilmente rintracciabili (hard to reach, così vengono definiti in una circolare emessa da pochissimi giorni www.trovanorme.salute.gov.it/norme/dettaglioAtto?id=81190 ma che io chiamo “Invisibili”.

Invisibili per la burocrazia. Invisibili per i vaccini. Sono italiani e stranieri, cittadini comunitari e non, rom, clochard, minori non accompagnati, occupanti o abitanti dei ghetti, vittime di tratta o del caporalato. “Invisibili” perché irregolari, senza una casa, un permesso, un documento. Eppure “fragili” per antonomasia, per identità sociale, culturale, clinica e psichica, per ghettizzazione residenziale e abitativa. Ma esclusi al momento dalla campagna vaccinale anti-Covid.

Devo subito dire che dopo poche ore ho ricevuto una sollecita risposta dal responsabile della Unità Operativa Complessa “Organizzazione e Cure Territoriali”, il Dott. Rossano Di Luzio che mi anticipa che “la Asl darà disposizione nei prossimi giorni affinchè le persone cosidette “invisibili” possano essere vaccinate negli HUB della provincia”.

Come assessore con delega all’”Ascolto del disagio sociale” ribadisco la mia massima disponibilità – in collaborazione con le Associazioni che intervengono sulle tematiche dei senza fissa dimora – per l’attuazione di un Piano Vaccinale rivolto alle persone difficilmente rintracciabili con l’obiettivo di portare avanti il programma vaccinale che consenta di raggiungere al più presto la “immunità di gregge”.
Per arrivare a questo obiettivo è chiaro che non si può e non si deve #LasciareIndietroNessuno, studiando forme e modi per “avvicinare” questa categoria di cittadini e predisporre – così come previsto dalla circolare del ministeriale – la loro vaccinazione.

Le forme e i metodi possono essere studiati ed organizzati con il giusto coinvolgimento di tutte le forze istituzionali e del Volontariato presenti ed operanti nei nostri territori.

Posso – ad esempio – ipotizzare la organizzazione di punti di vaccinazione nei luoghi frequentati per esigenze che vanno dai pasti (le mense cittadine) al dormire (i dormitori) ma anche predisporre materiale informativo da consegnare nei luoghi e nelle ore in cui più facilmente si radunano e – con la consegna del materiale informativo avere contatti personali e poter, caso per caso, individuare il percorso più idoneo per ciascuna situazione.

Non bisogna dimenticare, infatti, che si stimano che siano oltre 500.000 le persone che non hanno un medico (in quanto senza residenza o domicilio) o quelle che non disponendo di un permesso di soggiorno o di una tessera sanitaria sono “invisibili” a tutte le Campagne vaccinali… nel territorio di Pescara e provincia non possiamo avere stime numeriche, ma sicuramente dobbiamo intervenire.

#assessoreNicolettaDiNisio

Così in una nota l’assessore alle Pari opportunità Nicoletta Di Nisio


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.