Di Battista nelle viscere del Cerro Rico

cerro rico



Le viscere del Cerro Rico, la montagna dove ancora oggi migliaia di minatori respirano tonnellate di gas nocivo per campare, hanno, per secoli, sostenuto lo sviluppo europeo. Da queste parti si dice che con tutto l’argento estratto dal Cerro Rico si sarebbe potuto costruire un ponte da Potosí a Madrid. Avevo visitato una di queste miniere dieci anni fa e mi promisi di tornare per poter conoscere meglio i minatori e coloro che, utilizzando macchine rumorosissime ed agenti chimici, estraggono argento e zinco dal “mineral”, le rocce che i minatori spaccano all’interno della montagna con la dinamite e che vengono selezionate al di fuori della miniera dalle donne.

Viaggiare non è solo un investimento in felicità

E’ il miglior modo per relativizzare i drammi e sentirsi parte di un mondo profondamente ingiusto, dove chi ha poco ha sempre meno e chi ha molto, spesso viene accecato da quel che ha.
Questa mattina mi sono alzato prestissimo (anche perché ho dormito malissimo per il mal di altitudine, qui siamo a 4100 metri), sono andato al mercato dei minatori. Ho comprato malta (una bevanda energetica) cioccolato e biscotti per questi schiavi moderni che lavorano all’inferno e ho comprato tabacco e alcool per donarlo a “el Tio”, il diavolo della montagna. Così vuole la tradizione. Il venerdì tutti i minatori al termine del loro turno massacrante vanno a farsi un goccetto e a fumare davanti al demonio della terra, un pupazzo da loro costruito e che va ossequiato per avere in cambio fortuna e salute. Fortuna si ha quando si trova una vena d’argento da sfruttare, salute si ha se si esce vivi e non ci si ammala di malattie polmonari che qui uccidono come la peste. Ho camminato sotto terra per 3 km, mi sono imbottito di farmaci anti-asma e ho resistito. Ho resistito 3 ore. Qui resistono 9 ore al giorno, 6 giorni alla settimana fino a quando non bussa ai polmoni la silicosi.

Scriverò di tutto questo per Ilfattoquotidiano

Il tempo di finire le riprese, di parlare con qualche altro minatore, di partecipare (domani) alla Fiesta del espiritu, ovvero un evento in onore della pachamama (la madre terra) che i lama temono più di ogni altra cosa. Giustamente, poveretti.
Se volete informazioni su come visitare questi posti (e farlo in modo solidale ed il meno turistico possibile) scrivetemi su Instagram. L’America Latina è sempre stata una delle mie passioni ed oggi sta tornando un continente che combatte e che non ci sta a tali squilibri sociali evidenti ormai ad ogni latitudine. Buon fine settimana a tutti!

P.S. Solidarietà al sindacato Si Cobas, a tutti i lavoratori che stanno rivendicando i propri diritti ed un abbraccio alla famiglia di Adil Belakhdim, un ragazzo italiano morto a 37 anni perché non ha abbassato la testa.

var url182537 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=182537”;
var snippet182537 = httpGetSync(url182537);
document.write(snippet182537);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21882 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.