Scanzi: “No no, il ddl Zan non serve…”

scanzi



Così Andrea Scanzi sulla sua pagina Facebook:

No no, non siamo per niente un paese intriso di violenza, ignoranza e invidia.
Fano. Un ragazzo di Pesaro cammina per strada. È con un amico. Ha 18 anni. La sua “colpa” è avere un ciuffo di capelli tinti di bianco e lo smalto nero alle unghie.

Un gruppetto di sottosviluppati di 15 anni lo intercetta

Lo insulta. Lo aggredisce. Vogliono addirittura bruciargli le dita, per togliere lo smalto.
L’amico del ragazzo  interviene per difenderlo. Ha 17 anni. Lo riempiono di calci in faccia e sulla schiena. Gli spaccano il naso e un dito.
“Nessuno è venuto ad aiutarci”, ha raccontato il ragazzo. “Erano tutti intorno a noi e spuntavano tante mani. Uno ha visto lo smalto del mio amico e gli ha chiesto: ‘Perché?’. Continuo a pensare che sarei potuto morire così, senza motivo”.
Benvenuti all’inferno. Un inferno che ormai è ovunque (anche sui social), ma a cui ormai ci stiamo abituando.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21615 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.