Scanzi: “Le dimissioni di Zingaretti sono una vittoria di Renzi”

scanzi



Così Andrea Scanzi sulla sua pagina Facebook:

Le dimissioni di Zingaretti sono una “vittoria” innegabile di Renzi, che dopo avere accoltellato politicamente Conte ha lasciato con sommo piacere che i tanti (quasi tutti) parlamentari renziani del Pd sfibrassero una leadership certo poco carismatica, ma anche coraggiosa nel credere fermamente nell’alleanza con M5S e sinistra radicale.

Se i 5 Stelle sono in pieno dissesto interno, il Pd sta messo pure peggio

E anche qui, a godere, è anzitutto Renzi (e il centrodestra, cioè la stessa cosa).
Ora si tratta di capire chi uscirà vincente dalla snervante lotta che ci sarà da qui alle Primarie piddine.
Se vincerà la linea “dialoghiamo con Calenda e Berlusconi”, il sogno di Renzi (spero non di Bonaccini), i 5 Stelle avranno praterie di consensi davanti, ma torneranno al ruolo di “oppositori di maggioranza”. E il paese andrà in mano alla destraccia nostrana.
Se invece vincerà la linea del “campo progressista”, non so se ancora con Zingaretti o un altro nome, l’alleanza del Conte 2 ne uscirà rafforzata. Ma a oggi pare quantomeno improbabile.
Di sicuro Renzi ha creato deliberatamente un disastro politico dentro una pandemia, confermandosi la più grande sciagura politica mai abbattutasi nel centrosinistra. E adesso è lì che gode come un riccio.
Buona catastrofe.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22327 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.