Di Battista: “Un cittadino informato è un cittadino libero”

di battista



Così Alessandro Di Battista sulla sua pagina Facebook:

“La beffa più grande che il diavolo abbia mai fatto è stato convincere il mondo che lui non esiste”, sostiene Verbal Kint, alias Keyser Söze, nel film I soliti sospetti. In Italia, la beffa più grande che il sistema ha fatto, è stato convincere la pubblica opinione che il conflitto di interessi riguardasse solo Berlusconi.
Marco Minniti è l’ultimo deputato del PD (nonché terzo Ministro del Governo Gentiloni) a lasciare il proprio seggio per un incarico, evidentemente, più prestigioso. Minniti è stato Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio (con delega ai servizi segreti) e Ministro dell’interno. Si è occupato, dunque, di sicurezza nazionale. Ebbene sta andando a presiedere la nuova Fondazione di Leonardo SPA, la partecipata di Stato che si occupa, per l’appunto, di difesa e sicurezza.

Maurizio Martina

Prima di lui Maurizio Martina, ex-Ministro dell’agricoltura, aveva lasciato il Parlamento per andare a fare il vicedirettore della FAO. Poi, lo ricordo ancora – sebbene quasi in solitudine – Pier Carlo Padoan, Ministro dell’economia e delle finanze con Renzi prima e Gentiloni dopo, l’uomo che firmò il decreto salva-banche che ha permesso al Monte dei Paschi di Siena di sopravvivere, dopo essere stato eletto, ovviamente a Siena, ha deciso di lasciare la Camera per accomodarsi nel CDA di Unicredit nella speranza di presiederlo presto. Unicredit, tra l’altro, è interessata all’acquisto indovinate di quale banca? Di MPS ovviamente!
I piddini non sono nuovi a tali circostanze. Ricordo che nella passata legislatura il vice-ministro degli esteri Lapo Pistelli lasciò la Farnesina per accomodarsi sulla poltrona di Senior Vice President di ENI.

Urge una legge

Nell’attesa di conoscere (se possibile) l’entità degli stipendi che riceveranno i tre ex-Ministri è lecito o no considerare immorali e, potenzialmente “pericolose” queste porte girevoli tra Istituzioni e banche, partecipate di Stato o organizzazioni internazionali?
Chi chiede il voto ai cittadini non dovrebbe onorare il proprio mandato fino alla fine (e questo, per quanto mi riguarda, vale anche per quei politici che mollano una poltrona per un’altra)?
Urge (lo dico da mesi ed è una delle proposte che avanzai agli Stati Generali del M5S) una legge che metta fine ai conflitti di interessi e alle porte girevoli. Questo al di là di quel che si possa legittimamente pensare dei politici in questione. Persone rispettabili sia chiaro, ma qua si tratta di rispettare in primis le Istituzioni ed il mandato popolare.
P.S. A proposito di Leonardo. Amministratore delegato è ancora Profumo, quel Profumo recentemente condannato (in I grado) a 6 anni di carcere per aggiotaggio e false comunicazioni sociali in merito al suo ruolo in MPS. Draghi ci sei? Batti un colpo? Le hai le corde vocali? Come serve un’opposizione!

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20981 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.