Scanzi: “Uno scenario terrificante”

scanzi



Così Andrea Scanzi sulla sua pagina Facebook:

Una delle tante bugie di Renzi è quella secondo cui, se Conte non raggiunge 161 sì al Senato, deve andare a casa a prescindere.
È una sciocchezza costituzionale. Una delle tante, per Renzi.
Martedì, per andare avanti, a Conte basterebbe non la maggioranza assoluta (161, appunto), ma la maggioranza relativa. Ovvero avere anche solo un “sì” più dei “no”. Lo dice la Costituzione, lo dicono i costituzionalisti. E dunque non lo dice Renzi.
Questo però è un tema decisivo. A oggi, stando ai giornali e a chi ne sa, siamo più o meno in parità. Diciamo 150 sì circa e 150 no circa. Il plenum è 321 senatori, ma non c’è mai la presenza di tutti (Napolitano, per esempio, non partecipa da tempo per problemi di salute).
UDC voterà no. Diventano decisivi quindi i voti del Misto, a oggi insondabili a partire dagli ex M5S, e di Italia Viva.

In questo senso, non tutti hanno sottolineato un aspetto: gli astenuti

Fino alla precedente legislatura gli astenuti al Senato valevano “no”, mentre in questa giù astenuti sono astenuti e basta. Quindi, nel novero dei sì e dei no, non contano.
Renzi ha detto che i suoi 18 senatori si asterranno. In questo modo fa un favore apparente a Conte, perché potrebbero bastargli (ipotizzo) 151 sì, 150 no e 19 astenuti. Quindi andrebbe avanti. Ma per quanto?
Ed ecco il calcolo, ovviamente scellerato e oltremodo cinico in tempo di pandemia, di Renzi. Se lui si astiene e Conte cade, lui ha vinto comunque. Se Renzi si astiene e Conte si salva di pochissimo, Renzi torna decisivo e dice al governo: “Visto? Senza me non andare da nessuna parte. Torniamo a dialogare”.
E molti, anzitutto nel Pd, non vedono l’ora di riaccoglierlo. A partire da Marcucci, che del Pd è proprio capogruppo al Senato (auguri…).
C’è poi un’altra possibilità: Che Renzi dica di astenersi, ma decida all’ultimo momento di votare “no”. Uccidendo politicamente Conte.

Uno scenario terrificante

La mia idea è che, nonostante quel che ha fatto, Renzi ce lo ritroveremo anche nel prossimo governo. Con la stessa maggioranza o con una addirittura allargata a parte del centrodestra, perché purtroppo anche larga parte dei gruppi parlamentari di Pd e M5S non vuole tornare a votare. E quindi, se anche Conte cadrà, si renderà disponibile per un altro governo.
Spero di sbagliarmi, ma avverto un’aria mefitica assoluta.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21394 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.