Ostia, Malara, FDI: “Grassi, in affanno l’intero nosocomio”

Ostia



Siamo nel mezzo di un’emergenza sanitaria senza precedenti e, per stessa ammissione dei vertici ospedalieri, il ‘G.B. Grassi’ di Ostia è in affanno. Per il nosocomio del litorale, che normalmente serve un bacino di utenza di almeno 200mila persone, la Regione Lazio ha deciso una soluzione promiscua: implementazione dei posti letto per i malati Covid, mentre si continuano a trattare anche utenti affetti da altre patologie. Tale scelta, purtroppo, influisce negativamente sulla gestione ordinaria dei pazienti, compresi quelli cronici.ù

L’offerta di servizi ambulatoriali sul territorio è stata notevolmente ridotta

L’offerta di servizi ambulatoriali sul territorio è stata notevolmente ridotta, perché trasferita in presidi sanitari già gravati da migliaia di richieste, e molti cittadini riferiscono di aver ricevuto disdetta di appuntamenti prescritti ‘con urgenza’. Inoltre, sono stati sospesi gli interventi operatori elettivi, considerati cioè ‘differibili’. Il diritto alla salute è sancito dalla Costituzione e non è accettabile che i cittadini siano costretti a rivolgersi alle strutture private. Nel corso del consiglio del X Municipio, è stata approvata all’unanimità la mozione da me presentata con la quale si impegnano Presidente e Giunta a sollecitare gli organi competenti affinché, pur nel rispetto delle priorità dettate della pandemia, siano resi fruibili i servizi ordinari di visite e controlli medici presso l’ospedale Grassi, con particolare attenzione ai malati cronici.

Se è vero, come ci sentiamo sempre più spesso ripetere, che dobbiamo imparare a convivere con questa emergenza, allora è sacrosanto che le autorità politiche e sanitarie adottino i dovuti provvedimenti, facendo in modo che nessun cittadino sia privato di assistenza e cure.

Così in una nota rilasciata questa mattina il capogruppo di Fratelli d’Italia nel X Municipio Pietro Malara.

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.