Emergenza Coronavirus: Procura di Venezia avvia verifiche in Veneto

emergenza coronavirus



La Procura della Repubblica di Venezia avvia verifiche sull’emergenza Covid in regione a seguito di un esposto presentato dal Codacons. Ne dà notizia l’associazione dei consumatori, che è stata convocata presso gli uffici giudiziari della magistratura veneziana per fornire ulteriori elementi conoscitivi.
Lo scorso 23 ottobre infatti il Codacons aveva depositato un formale esposto alla Procura di Venezia in cui si chiedeva di aprire indagini in merito alla critica situazione sanitaria della regione, dopo l’incremento dei contagi e dei ricoveri presso gli ospedali e il rischio di saturazione delle strutture sanitarie regionali.

DOPO ESPOSTO CODACONS SU CAOS SANITA’ PROCURA CONVOCA ASSOCIAZIONE PER RACCOGLIERE ULTERIORI ELEMENTI

In particolare l’associazione chiedeva alla magistratura di verificare se “la Regione, nonostante il tempo e i fondo necessari per il potenziamento delle strutture ospedaliere e per approntare tutte le misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid, non sia stata in grado di adempiere agli impegni assunti, alle ordinanze emanate e ai fondi raccolti e se possano sussistere ritardi od omissioni sul fronte della sanità pubblica e dunque se possano configurarsi fattispecie penalmente rilevanti quali concorso in omissione di soccorso, omesso controllo e vigilanza, ritardo nel compimento degli atti di ufficio, concorso in epidemia colposa”.
A seguito di tale esposto la Procura della Repubblica di Venezia ha avviato formali verifiche e, su delega del Procuratore Bruno Cherchi, ha convocato il Codacons per il prossimo 23 novembre presso gli Uffici di polizia giudiziaria della Procura, per essere sentito in qualità di denunciante e presentare ulteriori elementi utili all’inchiesta.

 

Codacons CS

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.