Rivolta a Napoli: lo stato ritorni ad essere presente (c’è mai stato?)

napoli



Ieri sera le strade del centro storico, del lungomare e di Santa Lucia hanno visto montare la protesta di migliaia di napoletani che hanno manifestato contro la minaccia di imminente lockdown paventata dallo sceriffo De Luca.

Purtroppo tra le moltissime persone perbene scese in piazza c’erano i soliti “vichinghi” che hanno messo a fuoco le strade e che hanno addirittura assaltato alcune volanti della polizia e dei cronisti.

Vichinghi che, probabilmente mossi dalla malavita, hanno scatenato la reazione dei, anche loro soliti, benpensanti i quali invece di scremare il buono dal cattivo, hanno strumentalizzato e generalizzato l’accaduto.

 

“I soliti napoletani incivili”, “Siamo un popolo di merda”, “Che schifo, la violenza è inaccettabile”, sono le frasi che tra social e tg hanno etichettato quanto accaduto ieri sera.

Sia chiaro, chi vi scrive condanna ogni forma e tipo di violenza ed esprime la massima solidarietà agli agenti delle forze dell’ordine ed ai colleghi che ieri sera si sono scontrati con il volto brutto di Napoli.

No alle generalizzazioni

Al tempo stesso, però, guai a generalizzare e soprattutto guai ad oscurare il volto buono di Napoli e dei napoletani.

Sicuramente vi è stato chi con intenti criminali si è infiltrato nella manifestazione; ma questo capita a Madrid, a Parigi come a Napoli.

All’ombra del Vesuvio, ricordo, lo stato è praticamente assente da 50 anni e quando a mancare sono la scuola, la giustizia, la sanità, il lavoro, è automatico che, purtroppo, emergano i vichinghi con tutta la loro violenza.

La vita a Napoli

Davvero qualcuno crede che a Napoli sia facile vivere quando anche per far valere un diritto elementare bisogna penare per ottenerlo o rassegnarsi ad altro vista la dolosa assenza delle istituzioni? Le diseguaglianze sono così marcate all’ombra del Vesuvio, che quasi più nessuno ci fa caso.

Certo ci sono anche i doveri; c’è, però, ancora una fetta sana e grande della società napoletana che non si piega al malcostume e all’antistato e che ottempera ai propri doveri, nonostante quotidianamente sia costretta a tollerare l’intollerabile.

 

Gestione Coronavirus errata

Il fatto è che la gestione dell’emergenza Coronavirus ha reso l’intollerabile non più tollerabile ed ecco che è esplosa la rabbia; c’è chi l’ha veicolata civilmente (come al solito trascurata e fatta passare su un secondo piano) e chi ne ha approfittato per trasformarla in becera violenza.

Purtroppo un ciuccio e presuntuoso, dopo aver smantellato la sanità e i trasporti pubblici, dopo aver perso tempo in fritture di pesce invece di dedicarlo al rilancio dell’assistenza sanitaria e della mobilità, ha tirato troppo la corda e questa si è spezzata.

Sono mesi che denunciamo che la Campania è una polveriera pronta a esplodere; allo sceriffo piace, però, giocare con la dinamite ed ecco la deflagrazione di ieri sera.

Davvero c’è chi crede che con una chiusura generalizzata scenderanno in piazza solo i delinquenti?

Disperazione da non sottovalutare

Guai a sottovalutare la disperazione di chi non lavora e non guadagna; a Parigi anni fa il popolo affamato tagliò la testa ad una signora…

Troppo facile etichettare il tutto come “violenza camorrista”. Tra l’altro la camorra, grazie alle infiltrazioni e connivenze politiche e istituzionali ha solo da guadagnare dalla fame delle persone perché è proprio così che specula anche attraverso la possibilità di poter vantare una liquidità enorme.

I soliti benpensanti perché la stessa indignazione non l’hanno mostrata quando sono emersi voti di scambio tra camorra e politici (forse perchè hanno votato proprio quei politici), quando si umilia la dignità di chi è ammalato (non smetterò mai di ringraziare il personale medico che alla faccia dei tagli ci offrono il miracolo di un’assistenza decorosa) ed è costretto a vivere gli ultimi suoi giorni in letti pieni di formiche oppure quando al posto della Circumvesuviana arrivano carri che definire bestiami è un’offesa alle bestie?

I soliti benpensanti che pur di parcheggiare sotto la scuola dei figli o vicino al ristornate, affidano la propria auto al parcheggiatore abusivo.

Benpensanti che se ne fregano dei disagi delle periferie cittadine e umane e che magari fanno affari con i soldini della camorra (in un modo sono riciclati i proventi delle attività criminose…).

Lì, però, non c’è violenza, giusto? Apparentemente manca la violenza fisica (ditelo alle vittime del racket…) ma così si violenta ancor di più lo stato, perché il tutto si trasforma in giungla e nella giungla i più deboli (leggi onesti e perbene) sono destinati a soccombere.

La cosa che fa più rabbia è che De Luca non solo è colpevole di inattività, ma viene anche a fare la paternale; sarebbe bastato un mea culpa, ammettere il proprio fallimento invece di fare ancora una volta l’insopportabile paternale.

Nel frattempo il governo centrale cosa intende fare?

Ci sono lavoratori che attendono ancora la cassa integrazione. Invece di sospendere e rimandare il pagamento delle tasse, Conte ed i suoi ministri dovrebbero abolirle.

Cari Conte e De Luca un suggerimento: non toccate il lavoro di chi deve lavorare.

Davvero credete che il barista, l’ingegnere, l’avvocato, l’idraulico o il cuoco facciano lo smart working?

Occorre evitare che la disperazione si impadronisca della ragione e soprattutto occorre evitare di strumentalizzare la disperazione.

A Napoli lo stato è assente da 50 anni: è arrivato il momento che torni ad essere affianco ai napoletani.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20058 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.