Scuola, ancora incertezze sulla data d’inizio. Ritardi sui consumi di materiale scolastico

corredo scuola



L’incertezza sulla riaperture delle scuole fa crollare i consumi di materiale scolastico e spinge le famiglie a rimandare l’acquisto di corredo e libri per i propri figli. Lo afferma il Codacons, che in questi giorni sta monitorando l’andamento del mercato.

PER DIARI, ZAINI E ASTUCCI ACQUISTI GIU’ DEL -45% RISPETTO ALLO SCORSO ANNO

A fronte di prezzi sostanzialmente stabili per il materiale relativo alla scuola, si registra per zaini, diari, astucci, quaderni e altri elementi del corredo scolastico una riduzione degli acquisti in media del -45% rispetto allo stesso periodo del 2019 – spiega il Codacons – Anche il comparto dei libri vede un sensibile calo delle vendite in media del -30% rispetto al precedente anno scolastico.

LIBRI -30% E MOLTI ISTITUTI NON ADOTTANO NUOVE EDIZIONI

“Da un lato il caos che regna sulle riaperture delle scuole spinge le famiglie a rimandare la spesa per il corredo, che in ogni caso quest’anno sarà ridotta rispetto al passato anche a causa delle difficoltà economiche determinate dall’emergenza Covid – spiega il presidente Carlo Rienzi – Dall’altro molti istituti, per scelta o per l’impossibilità di visionare i nuovi testi, non hanno adottato nuove edizioni dei libri, confermando i testi dello scorso anno, fattore che riduce gli acquisti nelle librerie e alimenta il mercato dell’usato e le compravendite tra privati”.

Una situazione che – conclude il Codacons – avrà pesanti ripercussioni per le imprese del settore, che a fine periodo registreranno una forte contrazione delle vendite rispetto allo scorso anno.

 

Codacons Cs

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.