Ostia, arrestato due volte in due giorni per lo stesso reato

polizia



Già il 13 agosto scorso,  su segnalazione della Sala Operativa della Questura,  aveva inviato gli agenti della Polizia di Stato del Reparto Prevenzione Crimine, in servizio di controllo del territorio a disposizione del commissariato di Ostia, sul lungomare Paolo Toscanelli per una segnalazione di uomo in escandescenza.

Sul posto, i poliziotti  avevano intercettato un uomo che, con un piccone tra le mani stava danneggiando le auto in sosta constatando anche che, deteneva nella mano sinistra un coltello. Fermato ed identificato per C.A. romano di 30 anni con precedenti di polizia, nella circostanza veniva arrestato per danneggiamento aggravato e denunciato per detenzione di armi o oggetti atti ad offendere.

Dopo la convalida dell’arresto da parte del Tribunale, al giovane  veniva imposto l’ obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

Ieri notte però il giovane romano ha colpito di nuovo.

Interventi in via Duca di Genova per una segnalazione di rissa, i poliziotti,  una volta arrivati sul posto,  hanno constatato la presenza del C.A. che, con un tubo di ferro lungo 86 cm.  e del diametro di 2 cm.  stava nuovamente danneggiando le autovetture in sosta.

Una volta accompagnato negli uffici di polizia, controllando il suo nominativo nella banca dati,  i poliziotti hanno accertato che il fermato era stato arrestato proprio due giorni prima per lo stesso reato dai colleghi dello stesso Reparto Prevenzione Crimine.

Recidivo, dovrà rispondere di danneggiamento aggravato.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 12912 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.