L’ipocrisia sulla voglia di andare a messa



Uno dei pochi aspetti positivi di questa pandemia è che ha permesso di scoprire dei nuovi lati degli italiani. Aspetti che personalmente sorprendono perché alcuni che consideravo alla stregua di somari mi hanno fatto ricredere.

Ho scoperto che al tempo stesso si può essere virologi, scienziati, economisti, costituzionalisti, avvocati e persino vescovi senza aver né preso i voti o le relative lauree e specializzazioni.

Sì, perché basta recarsi all’istituto Facebook e via libera ai pareri medici, giuridici, forensi e religiosi.

Due aspetti su tutti mi hanno colpito: molti italiani si sono riscoperti amanti del footing e della messa, nonostante le panze e le bestemmie che li accompagnano ogni giorno.

Atteggiamento ridicolo

Non me ne vogliano ma trovo ridicoli coloro che urlano alla riapertura delle chiese e che invocano la celebrazione pubblica delle messe.

Peccato, però, che le chiese non hanno mai chiuso e che ad oggi il Coronavirus è un pericolo reale e pericolosissimo.

Chiedetelo ai tedeschi, quelli tanto osannati e presi ad esempio dai folgorati sulla via della messa da raggiungere in scarpette ginniche, che vedono in queste ore, dopo l’allentamento del lockdown, salire il tasso di contagio da Coronavirus oltre quota 1, con un aumento della mortalità.

Strano che si abbia tanta voglia di messa, perché fino a febbraio la domenica le chiese erano letteralmente vuote tant’è che alcuni parroci non celebravano più la messa per mancanza di fedeli.

Appena i loro leader, quelli delle olgettine e delle fake news sul Mes, montano una polemica contro chi ci governa fingendosi orfani della santa messa, che subito i panzuti atleti si scoprono cristiani praticanti.

Cari scienziati senza più luogo di culto state sereni

Il governo è al lavoro per trovare un’intesa per permettere la celebrazione pubblica della messa.

Scommetto che quando sarà possibile andare di nuovo in chiesa per partecipare alla messa, molti di questi avranno già cambiato idea perché l’unica cosa che a loro interessa è far azionare ad altri la propria mente poiché quest’ultima è atrofizzata o incapace di generare pensieri degni di essere chiamati tali.

Forza della preghiera

Per amare e onorare Dio, specie quando muoiono migliaia di persone al giorno in tutto il mondo, basta essere sinceri con lui attraverso la preghiera.

Per stare alla presenza del Signore c’è un solo modo: la preghiera.

Il resto, in momenti tragici come quelli che viviamo, è mera speculazione.

Va detta una cosa: neanche il Coronavirus ha scalfito l’ipocrisia.

 

 

Fonte foto: Cultura Cattolica

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23520 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.