Dati Istat estremamente deludendi

aprile
Un mercato rionale di Roma, in una foto d'archivio. Il 2014 passa agli archivi come un altro anno 'nero' per il commercio al dettaglio, con le vendite che scendono dell'1,2%. Lo rileva l'Istat. Si tratta del quarto anno consecutivo che chiude in calo, anche se rispetto al 2013 la caduta rallenta. Nel 2014 male sia il settore alimentare (-1,1%) che il resto dei comparti (-1,2%). ANSA



Estremamente deludenti i dati su potere d’acquisto, reddito e consumi delle famiglie nel IV trimestre del 2019. Lo afferma il Codacons, commentando i numeri diffusi oggi dall’Istat.

CON CORONAVIRUS POTERE D’ACQUISTO RISCHIA DI CROLLARE COME EFFETTO DEL MINORE REDDITO DA LAVORO

“Si tratta di dati che non lasciano spazio ad interpretazioni: cala il reddito, cala la capacità di spesa e i consumi rimangono totalmente fermi, confermando le difficoltà delle famiglie italiane – afferma il presidente Carlo Rienzi – Rispetto al trimestre precedente la spesa per consumi è paralizzata, mentre su base annua cresce appena del +0,3%. Numeri destinati purtroppo ad un drastico peggioramento a causa dell’emergenza coronavirus”.
“Il potere d’acquisto degli italiani rischia di crollare nel primo trimestre del 2020 come effetto dei minori redditi da lavoro cui fa da contraltare un sensibile aumento dei prezzi nel settore alimentare e dei generi prima necessità – prosegue Rienzi – I consumi poi vanno incontro ad un tracollo in tutti i comparti, ad eccezione della sanità e dell’alimentare, e potrebbero registrare una diminuzione fino al -6% a fine 2020 se dovessero proseguire le misure d’emergenza imposte dal Governo”.

Codacons CS

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.