Bologna, la spesa a casa per i più fragili

famiglie



La mappa con le attività e i negozi di vicinato che portano la spesa a domicilio [aggiornamento 31 marzo 2020]
Durante l’emergenza sanitaria in cui sono in vigore le misure per il contenimento della diffusione del contagio da coronavirus, può essere indispensabile soprattutto per le persone più fragili sapere quali sono gli esercizi commerciali vicino casa attrezzati per consegnare a domicilio i propri prodotti, e in particolare alimentari, parafarmaci, farmaci, ma anche libri o servizi come la lavanderia. Il Comune di Bologna, in collaborazione con i sei Quartieri della città, ha raccolto e mappato le attività che fanno consegne a domicilio offrendo un servizio facilmente consultabile da computer e smartphone.

Mappa georeferenziata

La mappa georeferenziata, che contiene già più di 400 attività, è stata realizzata dai servizi SIT (Sistemi Informativi Territoriali) del settore Agenda Digitale del Comune di Bologna. La mappa è in aggiornamento continuo e oltre alle attività raccolte da ognuno dei sei Quartieri della città, contiene anche le informazioni diffuse da associazioni di categoria del territorio. In questo modo il Comune rende possibile una visione completa di questo servizio con pochi e semplici passaggi: nella mappa basta infatti cliccare su una zona oppure inserire un indirizzo per individuare nel raggio di 1 o 2 chilometri gli esercizi commerciali che effettuano servizio di consegna a domicilio. Il servizio è erogato ovviamente dai singoli operatori e deve rispettare le norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto che per il momento della consegna, come previsto dal Dpcm 22 marzo 2020 e dalle ordinanze in vigore. Per segnalazioni o attività che volessero aggiungersi alla mappa, è disponibile l’indirizzo email cittadinanzaattiva@comune.bologna.it

“L’Unione fa la spesa”: cos’è e come funziona

Si chiama “L’Unione fa la spesa” ed è un servizio di consegna a domicilio della spesa alimentare e dei parafarmaci alle persone più fragili, a chi ha bisogno di assistenza, ai disabili, a chi è affetto da patologie croniche o è immunodepresso, in generale dunque alle fasce più deboli della comunità che devono a maggior ragione evitare di uscire dalla propria abitazione. Il servizio è oggetto di un protocollo che il Comune di Bologna ha firmato con Coop Alleanza 3.0 e il mondo dell’associazionismo e del volontariato bolognese rappresentato da Auser, Forum Terzo Settore e Centro Servizi di Volontariato Volabo (Csv).

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21938 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.