Requisire posti letto in terapia intensiva presso le cliniche private se necessario



A fronte dell’aggravarsi dell’emergenza coronavirus in Italia il Codacons invia oggi una diffida a tutte le Regioni affinché adottino misure eccezionali per incrementare i posti letto in terapia intensiva da destinare alla cura dei pazienti affetti da Covid-19.

ASSOCIAZIONE INVIA ELENCO DELLE STRUTTURE PRIVATE DI TUTTE LE REGIONI DA SOTTOPORRE A MISURA CAUTELATIVA URGENTE

Mentre infatti aumenta in modo vertiginoso il numero dei contagiati, negli ospedali pubblici del nord Italia i reparti di rianimazione sono oramai al collasso e a breve non potranno più assicurare le cure in terapia intensiva per mancanza di posti letto disponibili – spiega il Codacons – Per tale motivo inviamo oggi una diffida alle Regioni affinché, come previsto dalla legge, requisiscano con urgenza posti letto in terapia intensiva e subintensiva presso tutte le cliniche sanitarie private presenti sul territorio, da destinare alla cura dei pazienti contagiati da coronavirus delle regioni d’Italia i cui ospedali hanno raggiunto il livello di saturazione.
Nella diffida il Codacons indica anche un elenco di strutture private presenti nelle varie regioni e che, in base ad una ricerca condotta dall’associazione, dispongono di reparti di terapia intensiva e subintensiva. Reparti che ora – chiede il Codacons – dovranno essere sottoposti a requisizione cautelativa urgente allo scopo di garantire le necessarie cure ai malati di coronavirus.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.