Protezione Civile rifiuta ventilatori di una ditta cinese. Non sono idonei



La protezione civile rifiuta 350 respiratori messi a disposizione da una ditta cinese, e il Codacons con apposita istanza d’accesso chiede di visionare il parere del Comitato tecnico che ha ritenuto non ideona la strumentazione sanitaria proposta.

IL CODACONS CHIEDE IL PARERE NEGATIVO DEL COMITATO PER VERIFICARE LA FONDATEZZA DEL RIFIUTO A FRONTE DELLE CARENZE DI POSTI LETTO DI TERAPIA INTENSIVA CHE FANNO DICHIARARE AI MEDICI IN TV DI ESSERE COSTRETTI AD ABBANDONARE ALLA MORTE I PIÙ VECCHI

Nei giorni scorsi il Codacons, , a fronte della drammatica situazione legata alle difficoltà che sta vivendo il sistema sanitario nazionale in relazione alla carenza di posti in terapia intensiva e alla necessità di approvvigionamento di ulteriori reparti e macchinari per fronteggiare l’elevato numero di pazienti affetti dal coronavirus, ha provveduto a trasmettere una comunicazione al Commissario Straordinario per l’emergenza Coronavirus Domenico Arcuri; al Dirigente Invitalia Roberto Rizzardo; all’Assessore alla Sanità Regione Piemonte Icardi Luigi Genesio; all’Assessore al Welfare Regione Lombardia Giulio Gallera; a Guido Bertolaso Ex capo della Protezione civile c/o la Regione Lombardia; a Filippo Bongiovanni Direttore Generale ARIA S.p.A. – Azienda Regionale per l’Innovazione e gli Acquisti, del seguente tenore: “Vi segnaliamo 350 apparecchi di respirazione disponibili presso l’Azienda Nanjing Superstar Medical Equipment Co., Ltd, www.superstar-med.net, indirizzo mail: sales08@superstar-med.com”.
A fronte di tale istanza, la Protezione Civile ha fatto pervenire comunicazione in cui si informa che il Comitato tecnico scientifico nominato ai sensi dell’Ocdpc 630 del 3 febbraio 2020 non avrebbe ritenuto idonei i dispositivi tuvsud provenienti dalla Cina.
Qualora l’impossibilità di utilizzo dei suddetti dispositivi fosse legata alla loro inidoneità la scelta della P.A risulterebbe un atto dovuto – spiega il Codacons – E’ però altrettanto vero che l’Amministrazione è ispirata a principi di democrazia partecipativa, della pubblicità e della trasparenza dell’azione amministrativa.
Per tale motivo il Codacons ha presentato formale istanza d’accesso al Ministero della salute e alla Protezione Civile, chiedendo di avere copia degli Atti e/o documenti relativi all’istruttoria che ha portato alla valutazione di inidoneità dei dispositivi TUVSUD provenienti dalla CINA e dei verbali contenenti il parere negativo del Comitato Tecnico Scientifico nominato ai sensi dell’OCDPC 630 del 3 FEBBRAIO 2020.

 

Codacons Comunicai Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.